venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Tennis, Hertogenbosch:
vincono Mahut e Giorgi
Pubblicato il 16-06-2015


Camila Giorgi

La giovane tennista marchigiana Camila Giorgi, vincitrice del Wta Hertogenbosch 2015

Salutata la terra rossa, il tennis si sposta sulla particolare superficie dell’erba, che stravolge ogni pronostico. Il primo torneo ad essere giocato, in preparazione al Grand Slam di Wimbledon (che si terrà dal 29 giugno al 12 luglio prossimi) è quello in Olanda di Hertogenbosch. E anche quest’ultimo, in attesa di vedere quelli di Halle e di Eastbourne, non viene meno a far saltare ogni schema delle teste di serie. E, sia nel maschile che nel femminile, regala due rivelazioni sorprendenti.

Nell’ATP a trionfare è il francese Nicolas Mahut sul belga David Goffin, testa di serie numero due. Con uno score netto di 7/6 6/1. Numero 93 del mondo, il francese salirà dopo la conquista di questo trofeo al n. 62 della classifica mondiale. Ma realizza soprattutto un’impresa partendo da qualificato. Mahut è riuscito a conquistare , infatti, il secondo torneo consecutivo da qualificato e non capitava da vent’anni, cioè dai tempi del senegalese Yahiya Doumbia, che ci riuscì tra il 1988 e il 1995 (Lione e Bordeaux). È il terzo titolo in carriera in totale per lui (e il secondo sull’erba appunto), dopo le vittorie a Newport e a Den Bosch nel 2013.

Nel femminile, invece, inorgoglisce particolarmente il tennis italiano la vittoria di Camila Giorgi sulla svizzera Belinda Bencic per 7/5 6/3. La tennista azzurra, così, vince il suo primo titolo in carriera, per di più sull’erba appunto. Dopo tre finali perse, questa volta non fallisce nel suo obiettivo a cui ha lavorato tanto di portare a casa un trofeo. E non è poco. Camila Giorgi fa centro e si porta a quota n. 32 del ranking. Un inizio tutto in salita per lei, un trampolino di lancio per arrivare ancora più in alto, considerando che è ancora giovanissima, seppur matura tennisticamente e tatticamente.

Barbara Conti 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento