venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Azzollini salvato da un Pd garantista
Pubblicato il 29-07-2015


Ha ragione il nostro Buemi, ancora una volta. Ha studiato bene (l’hanno fatto tutti?) le carte sulla richiesta di arresto del senatore Azzollini, indagato per via di vicende relative a una casa di cura pugliese, della quale viene descritto come dominus assoluto. E ha fatto bene a distinguere. Una cosa sono le indagini e le motivazioni per arrivare al processo che dovrà stabilire la colpevolezza o meno dell’indagato. Altra cosa è la richiesta, anzi la pretesa, dell’arresto preventivo. Per tutti questo diviene possibile solo in presenza di tre fattispecie di reato: il pericolo di fuga, l’inquinamento delle prove, la reiterazione del reato. Nessuna di queste motivazioni, a giudizio di Buemi, può reggere nei confronti del senatore indagato. Generalmente poche volte queste tengono a fronte dell’arresto di un semplice cittadino, tanto che su questa materia i radicali e i socialisti avevano proposto un referendum abrogativo. Certo per un semplice cittadino non esiste l’istituto dell’autorizzazione e il criterio del fumus persecutionis. Dunque non è che bisogna accettare l’arresto di un parlamentare perché il carcere preventivo viene ingiustamente previsto per un semplice cittadino. Bisogna evitare con una radicale modifica del testo che escluda specifici reati che tutti i cittadini subiscano una palese ingiustizia. Anche il Pd ha votato contro la richiesta d’arresto. È importante questa novità se é conseguenza di un ragionamento garantista. Lo è meno se riservata esclusivamente a suoi aderenti o alleati. Per essere garantisti credibili bisogna esserlo innanzitutto con gli avversari.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Si caro Mauro hai perfettamento ragione,Buemi ha fatto bene a votare no.
    Il Pd in crisi?Certo perchè è lui che studia male, chi è quel genio che manda in Senato gente che letteralmente dice ” per Azzolini non possiamo che votare per l’areresto ” e dice questo prima ancora che in commissione non sia arrivato il fascicolo relativo.
    Com’è possibile che un partito che si propone di diventare il PARTITO DELLA NAZIONE, assecondi certi atteggiamenti qualunquisti, che individuano nel politico , della parte avversa,come colui che non può godere delle stesse interpretazioni della legge riservata ai comuni cittadini.
    Noi , siamo , politicamente parlando, il partito più lontano possibile dal NCD di Alfano , mi auguro che nessuno di noi assomigli,in tutti i sensi, al Senatore Azzolini ,ma siamo garantisti e seri non operiamo su cose di questa delicatezza a seconda di come tira il vento..
    Compagno Maurizio Molinari – consigliere nazionale – off.molinari@libero.it

Lascia un commento