domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Senato, la giunta vota sì all’arresto di Azzollini
Pubblicato il 08-07-2015


Azzollini

Sì all’arresto di Antonio Azzollini dalla Giunta per le Immunità del Senato che quindi non ha ravvisato un “fumus persecutionis” nell’ordinanza del Gip di Trani che ha chiesto gli arresti domiciliari per il senatore di Ncd coinvolto nel crac della casa di cura “Divina Provvidenza”.
Hanno votato a favore dell’arresto in 13 (8 Pd, 4 M5S, e la Lega), 7 i contrari (2 di FI, 3 di Ncd, Buemi del Psi, più Ferrara di Gal). La decisione della Giunta dovrà ora passare al vaglio dell’Aula. Una decisione attesa, quella della Giunta, guidata da Dario Stefano (Sel), tanto che stamattina, proprio per anticipare un voto che in molti davano per scontato, Azzollini aveva inviato una lettera al presidente del Senato Pietro Grasso per annunciare le sue dimissioni da presidente della commissione Bilancio.

“Il mio no – ha spiegato Enrico Buemi – non è un giudizio sul merito del processo, ma sulla inattualità del provvedimento di misure cautelari, non giustificato né dal pericolo di fuga, né dal rischio di reiterazione del reato, né dal pericolo di inquinamento delle prove, ovvero le condizioni previste dalla legge per chiedere la custodia cautelare”.

“La commissione che ho l’onore di presiedere – scrive Azzollini nella lettera inviata a Pietro Grasso – ha bisogno di decisioni che richiedono dedizione assoluta e tempo pieno”. Pertanto, pur ribadendo “la piena convinzione della totale infondatezza dei fatti giudiziari” che lo riguardano, Azzollini decide di lasciare per mettere al riparo la commissione da ogni attacco. “Ci sono momenti in cui un uomo delle istituzioni deve compiere scelte difficili ma anche necessarie” e questo è uno di quei momenti.
L’uscita di scena del senatore di Ncd, oggi a Molfetta per “assistere al funerale del vescovo”, viene accolta con messaggi di stima e solidarietà “trasversali”. Le sue dimissioni, commenta il presidente della commissione Cultura del Senato Andrea Marcucci “rappresentano un gesto di responsabilità e di alto senso delle istituzioni”. “Sono convinto che riuscirà a dimostrare davanti alla magistratura, nei cui confronti ha sempre manifestato rispetto e fiducia, la sua estraneità ai fatti che gli vengono contestati”, osserva il capogruppo di Ncd-Ap Renato Schifani.
E “stima” e “affetto” vengono espressi da colleghi del gruppo e da molti parlamentari di centrodestra: da Laura Bianconi a Federica Chiavaroli, da Antonio D’Ali’ a Paolo Tancredi.

In attesa di individuare un nuovo presidente della commissione Bilancio, scelta che quasi sicuramente avverrà a settembre quando si dovranno confermare o meno tutte le presidenze di commissione di palazzo Madama, a sostituire Azzollini sarà il vicepresidente Gian Carlo Sangalli. Ci sono molte cose da fare e una commissione cardine come la Bilancio non puo’ fermarsi troppo a lungo, si sottolinea nella maggioranza. Tra le prime incombenze, ad esempio, ci sono i pareri da dare al ddl sulle Unioni civili questione che Sangalli spera di poter incardinare “già da domani mattina”. Il governo infatti sembra più che mai intenzionato a far arrivare il testo in Aula entro l’estate visto che il voto sulle riforme costituzionali potrebbe slittare a settembre.

Soddisfatti per le dimissioni di Azzollini sono invece i senatori del M5S: “Noi le invochiamo dall’ottobre 2013”, si legge in una nota del gruppo di Palazzo Madama, da quando Azzollini “venne inquisito per l’affare del Porto di Molfetta”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento