martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il Pd tra presente e passato
Pubblicato il 09-07-2015


Lo definirei così: un partito democristiano, con una collocazione europea socialista e un passato comunista. Ormai, anche se non si sa per quanto, il gruppo dirigente del Pd e le massime cariche dello Stato sono in mano a esponenti che provengono dal mondo democristiano o da movimenti del mondo cattolico (Renzi, Mattarella, Guerini, Delrio, Boschi, Franceschini, Fioroni, ecc, ecc). Naturalmente la linea politica del partito e del governo è influenzata da questa tendenza. Così non possono stupire i nuovi tesi rapporti con la Cgil e la posizione costruttiva della Cisl, ma non della Uil. Non può stupire una certa riluttanza a combattere battaglie di laicità e la tendenza a dialogare con la Fiat e i poteri forti. Nè può scandalizzare la scelta di inserire, vedasi l’ultima vicenda relativa alla Cassa depositi e prestiti, uomini di assoluta fiducia con più o meno analogo pedigree politico.

Anche la Dc, soprattuto con Fanfani, era divenuta partito strettamente collegato al potere pubblico e privato. Un ragno nella rete tessuta non sempre dalla balena bianca, ma da soggetti che ad essa facevano riferimento. Naturalmente vi possono essere altre analogie e differenze. Quel che è risulta chiaro è la divisione dei compiti secondo i calcoli dell’establissement renziano. Il potere e la linea politica agli uomini dell’apparato che possono avere anche diversa provenienza, vedasi Fassino, Chiamparino, un po’ meno De Luca ed Emiliano, e per tutti questi non viene applicata la regola della rottamazione, ma è indispensabile che al nuovo corso facciano riferimento. La storia è di competenza dell’ex Pci, dei suoi uomini e dei suoi riti che oggi vengono custoditi molto più di quanto non avessero fatto gli stessi ex comunisti ai tempi del Pds-Diesse.

Questo per ingraziarsi la base ex comunista e per evitare di offrire ulteriori spazi all’opposizione. Al passato sono dedicate le più incredibili delle forzature. Si rilancia L’Unità, giornale comunista fondato da Antonio Gramsci, cui lo stesso Occhetto pensò, dopo la svolta del 1989, di cambiare nome e a L’Unità vengono intestate, come un tempo, tutte le feste di partito. Si celebra Berlinguer, come il principale padre del Partito democratico, lui che era orgogliosamente comunista, anche se diverso, che non pensò mai di aderire all’Internazionale socialista. Si celebra Togliatti, si grida all’eretico ogni qualvolta qualcuno mette in discussione dogmi del passato. Ma il Pd, socialista in Europa, democristiano in politica e comunista di tradizione, è obbligato ora a risolvere le sue contraddizioni,

La crisi e i vincoli europei, col caso Grecia in prima fila, mettono ancora in evidenza la necessità della politica e dei partiti. Anche nel sistema post identitario italiano i soggetti politici devono ora dotarsi di un progetto ideale. Si formerà un partito di estrema sinistra, di stampo tsiprasiano, anche in Italia, con Vendola, Fassina, Civati, benedetto dalla Cgil e ancor più dalla Fiom di Landini, e porterà via voti al Pd renziano, mentre l’antieuropeismo di Grillo e Salvini continuerà a far presa. E parecchio. Il Pd e il governo Renzi non possono più travestirsi e indossare tre abiti contemporaneamente. Il rilancio della politica impone scelte chiare di progetto. Renzi deve comprendere che il futuro si costruisce non solo con battute e trovate estemporanee e per farlo occorre studio, fatica e cultura. È finita la dimensione estetica della politica. È finita la storiella dei giovani scapestrati al potere. Dei ragazzini che alzano le braccia in segno di vittoria perché hanno sfrattato la generazione procedente e con sfrontatezza procedono ridendo e fischiettando a costruire un futuro divertente. Non bastano la simpatia e la furbizia. Altrimenti si finisce per essere travolti da chi un progetto di società (sbagliata) invece ce l’ha.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. L’editoriale, come, meritoriamente, molti altri, evidenzia la necessità di una nuova identità socialista che, partendo dal contesto Europeo e internazionale (la crisi del PSE, come il caso greco ha dimostrato, e come Michael Walzer oggi su Repubblica, sottolinea, è evidente) si radichi anche in Italia. Ho visto che esiste un gruppo socialista su facebook con 3365 aderenti. Non sono pochi. Possiamo di questi (ma ce ne sono altri) convocarne almeno mille per il lancio di una nostra grande iniziativa politica? Se il PD è sempre più democristiano e a sinistra si sta aggregando il vecchio massimalismo, perché non dovrebbe esistere una vera forza riformista liberale?

  2. Il PD è un partito ideologicamente cattocomunista, che ha ereditato il ferreo centralismo democratico dal PCI e il torbido clientelismo dalla DC, che assomma cioè il peggio del peggio del passato, su cui si sono tuffati avidamente poteri forti e mafie territoriali di vario genere. Una grande ammucchiata di potere che, non a caso, sta in piedi con Alfano e i rottami del centrodestra berlusconiano per interessi del tutto trasversali di potere. Destra e sinistra possiamo anche consegnarle alla storia, oggi sono una mera millantaura. Quanto a Vendola, Fassina, Civati potremmo tranquillamente iscriverli al partito del “facimm’ ‘a mmuìna!”
    Il Socialismo è un’altra cosa.

  3. Condivido il contenuto dell’articolo del Direttore…a mio giudizio il PD di socialista ha poco o nulla…che lo stesso faccia parte del PSE conta, sempre a mio parere, fino a un certo punto …Berlusconi, se non ricordo male, faceva parte del PPE…e che cosa c’entrava, allora come oggi, Forza Italia con la tradizione popolare continua a sfuggirmi…

Lascia un commento