domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Intercettazioni. Grasso: «Irrinunciabili, non limitarle»
Pubblicato il 28-07-2015


Grasso-crocetta-intercettazioni«No a una stretta sulle intercettazioni, irrinunciabile e indispensabile strumento di indagine». Così il presidente del Senato, Pietro Grasso durante la cerimonia del Ventaglio che si tiene ogni anno alle Camere e al Quirinale, prima della pausa estiva dei lavori parlamentari. Nel frattempo, l’affaire della presunta intercettazione che ha riguardato Rosario Crocetta cambia rotta: se prima doveva incastrare lui e il suo medico Matteo Tutino, ora rischia di mettere nei guai i due giornalisti che l’hanno pubblicata, e che ora sono sottoposti a indagine.

GRASSO: INTERCETTAZIONI MEZZO IRRINUNCIABILE – «Le intercettazioni sono un mezzo di indagine irrinunciabile e indispensabile che non va in alcun modo limitato». «Si potrebbe regolare meglio la gestione delle intercettazioni – ha aggiunto Grasso – attraverso un’udienza filtro che mantenga solo quelle utili al processo». Così il presidente del Senato, Pietro Grasso durante il rito di consegna di un ventaglio decorato al Capo dello Stato e ai presidenti di Camera e Senato, omaggio tradizionale da parte dell’Associazione stampa parlamentare (ASP), che si tiene annualmente tra la fine di luglio e i primi giorni di agosto, presso Palazzo del Quirinale, Palazzo Montecitorio e Palazzo Madama in vista della chiusura dei lavori parlamentari per la pausa estiva. Durante la conferenza dei capigruppo di Montecitorio – domattina – verrà deciso quando riprenderà l’esame del disegno di legge sulla riforma del processo penale, con tempi contingentati e polemiche assicurate. Sul rinvio della Delega è intervenuto Marco Di Lello, presidente dei deputati socialisti secondo cui «l’unica capacità che ha il M5S in Parlamento: bloccare le riforme e danneggiare i cittadini».

 DI LELLO: IL M5S  BLOCCA RIFORMA GIUSTIZIA E DANNEGGIA I CITTADINI – «Il disegno di legge in discussione consentirà di accorciare i tempi dei processi, garantirne maggiore efficacia e tutelare i cittadini dalle intercettazioni abusive. Un provvedimento capace di rendere l’Italia più civile. Sappiano i grillini – conclude Di Lello – che il rinvio di oggi ci rende ancora più determinati nell’approvazione».

INDAGATI GIORNALISTI DE ‘L’ESPRESSO’ – Nel frattempo, la presunta – e imbarazzante – intercettazione tra il presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta e il suo medico personale, Matteo Tutino – con minacce alla figlia di Paolo Borsellino – è entrata nel mirino dei pm: la Procura di Palermo ha infatti iscritto nel registro degli indagati i due cronisti de ‘L’Espresso’ – Piero Messina e Maurizio Zoppi – autori dell’articolo. L’accusa è quella di pubblicazione di notizie false, mentre per Messina è prevista anche l’aggravante della calunnia perché avrebbe indicato come fonte della notizia un investigatore che avrebbe, invece, negato di avergliela mai riferita. Della registrazione telefonica, la cui esistenza è stata smentita da quattro Procure siciliane, – a oggi –  non c’è ancora traccia.

Siria Garneri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento