martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Microsoft. In arrivo nuovi
e pesanti licenziamenti
Pubblicato il 08-07-2015


Microsoft-licenziamentiDopo le indiscrezioni, l’ufficialità: Microsoft – per ristrutturare le attività di hardware per la telefonia – per meglio «allineare le risorse» – dovrà licenziare 7.800 persone, in particolare nella divisione telefonia. Questi nuovi tagli vanno ad aggiungersi ai 18 mila pianificati e annunciati nel luglio 2014. Rammarico è stato espresso dal commissario al Lavoro dell’Ue, Lazlo Andor che ha chiesto di incontrare i rappresentanti di Microsoft.

SVALUTAZIONI E ONERI – Come si legge in una nota del colosso tecnologico fondato da Bill Gates, oltre ai pesanti tagli al personale Microsoft prevede di registrare svalutazioni per circa 7,6 miliardi di dollari associate all’acquisizione di ‘Nokia Devices and Services’ e oneri legati alla ristrutturazione per ulteriori 750-850 milioni di dollari. A oggi, il gigante che sembrava immortale – a livello globale – conta  oltre 127mila dipendenti. Da mesi i vertici della società stanno pensando a diversi modi per ridurre i costi. Lo scorso giugno, in una e-mail inviata ai dipendenti, l’amministratore delegato, Satya Nadella aveva avvisato che sarebbe stato necessario «fare scelte difficili in aree dove le cose non stanno funzionando e risolvere problemi in modo da aumentare il ‘customer value’».

IL RAMMARICO DELL’UE – «Mi rammarico per il taglio annunciato da Microsoft, la ristrutturazione è una realtà ma deve essere fatto in modo responsabile, basato sul dialogo con le parti sociali e rispettando le leggi sulla consultazione dei lavoratori». Questo il commento del commissario al lavoro Lazlo Andor, che ha chiesto di incontrare i rappresentanti di Microsoft «il prima possibile per avere più informazioni su tagli, misure per mitigare le conseguenze sociali e per capire come mobilitare fondi Ue a sostegno di chi ha perso il posto».

Redazione Avanti!

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento