sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Province. La Corte dei Conti: «A rischio servizi primari»
Pubblicato il 31-07-2015


Corte dei conti-Province«Una situazione di criticità (e per certi versi emergenziale)» quella relativa alle risorse, la cui scarsità mette a repentaglio «i servizi di primaria importanza». Queste le conseguenze – secondo la Corte dei Conti – della riforma voluta dal governo Renzi sulle finanze e la funzionalità delle Province (la cosiddetta riforma Delrio). Senza l’adozione di «interventi necessari, la forbice tra risorse correnti e fabbisogno tende a una profonda divaricazione, difficilmente sostenibile per l’intero comparto».

LA RELAZIONE DELLA CORTE DEI CONTI – A lanciare l’allarme sono i giudici contabili nella loro consueta Relazione sugli andamenti della finanza territoriale inviata al Parlamento nei giorni scorsi. L’abolizione delle Province – annunciata il 3 aprile 2014, con l’approvazione del disegno di legge Delrio (dal nome di Graziano Delrio, all’epoca sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri e segretario del Consiglio dei ministri con delega alle politiche di Coesione territoriale e allo Sport, ndr) – in realtà non è mai avvenuta: negli enti territoriali è stata realizzata una riduzione e rimodulazione degli organi ‘politici’, ma tutto il corredo di funzioni tecniche delegate in materia di scuola o trasporti – per esempio –  è rimasto in piedi.

A RILENTO IL RIORDINO – La Corte dei Conti ha reso noto che il riordino di queste funzioni – previsto dalla legge – non solo non si è concluso, ma procede anche a rilento. Ad allarmare i giudici contabili è «lo stato di precarierà della situazione finanziaria degli enti di area vasta (le Province, ndr). La situazione sta aggravandosi dal momento che alla sottrazione delle risorse non sta corrispondendo  – in eguale misura – l’assottigliamento delle competenze. Il risultato – secondo quanto rilevato dai giudici contabili – è che le Province non hanno più personale, né fondi (essendo stati tagliati) per erogare i servizi (che invece sono ancora di sua competenza). Una vicenda già vista in cui le riforme e le abrogazioni a metà si alternano alla confusione delle competenze tra organi ed enti.

Siria Garneri 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento