domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Riforma Rai. Avviata la discussione generale al Senato
Pubblicato il 16-07-2015


Rai-RenziIl testo sulla riforma della Rai ha iniziato il suo esame in Aula, a Palazzo Madama, con il ‘no’ alle pregiudiziali di costituzionalità presentate dalle opposizioni. L’esame del disegno di legge si concluderà la prossima settimana. L’obiettivo dell’esecutivo è di far approvare il provvedimento entro la prossima settimana; il testo passerà poi all’esame della Camera per l’approvazione definitiva. Scatta il toto-nome sui nuovi vertici, spunta quello di Giovanni Minoli, volto storico della Rai.

LE NOVITÀ DEL TESTO – Il provvedimento di riforma della Rai – votato favorevolmente in Commissione lo scorso 9 luglio da tutte le forze politiche, compreso il Movimento 5Stelle – ha sciolto gli ultimi nodi di rilievo: uno riguarda la nomina del presidente della Rai che potrà avvenire solo con il voto favorevole dei due terzi della Commissione di Vigilanza. Rai riformaL’altro riguarda i rapporti di forza interni alla nuova governance aziendale: secondo una modifica approvata vi sarà la possibilità per il Consiglio di amministrazione di approvare o bloccare – con la maggioranza dei due terzi (ossia cinque membri su sette – la riforma riduce da nove a sette i consiglieri – ndr) –  le nomine dei direttori di testata decise dall’amministratore delegato (la nuova figura che va a sostituire quella del direttore generale, ndr). Su tutte le altre nomine apicali – compresi i direttori di rete – il parere sarà obbligatorio, ma non vincolante. L’altra novità consiste nell’introduzione di un comitato di garanzia democratica e culturale – che ancora non ha un nome – composto dal presidente e da due consiglieri che dovrebbe vigilare sull’operato del servizio pubblico al fine tutelare il pluralismo.

IL RELATORE RANUCCI: GOVERNANCE PIÙ MODERNA  – «Auspico che in Senato si concluda in pochi giorni» ha detto uno dei due relatori Raffaele Ranucci (l’altro è il senatore socialista, Enrico Buemi, ndr) durante il suo intervento. L’esponente del Pd ha poi parlato di governance «più moderna e di maggiore trasparenza di gestione». Ma a Palazzo Madama – dove gli emendamenti sono attesi entro lunedì 20 luglio – le opposizioni promettono battaglia.

IL TOTO-NOME – L’avvio della discussione generale in Aula sul testo ha già scatenato il toto-nome sui nuovi vertici aziendali. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi – che vedevano l’attuale presidente di Poste Italiane, Luisa Todini come persona gradita sia a Renzi che a Berlusconi – oggi è spuntato il nome di Giovanni Minoli, volto storico dell’azienda radiotelevisiva. Secondo quanto appreso, però, questa candidatura non sarebbe appoggiata da Forza Italia.

Siria Garneri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento