mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Cristian Parabita:
La vita serena dell’egoista
Pubblicato il 13-07-2015


Cosa importa se il giardino del vicino è secco perché da mesi quest’ultimo è moroso ed è rimasto senz’acqua, cosa importa se quello di fronte a me era uno splendido albero ma è seccato perché infestato da parassiti, cosa importa… non era mio…
Io ogni giorno lavoro e posso permettermi di annaffiare abbondantemente il mio giardino perché ho un reddito alto, ho un lavoro pubblico di una certa importanza, e guadagno tanto da poter allagare d’acqua il mio giardino e se volessi anche quello del vicino, ma quello non è mio…
Il mio giardino non ha rivali, è il più bello del vicinato ed è veramente uno splendore. E’ diventato l’invidia di tutti…Pieno di verde, di piante costose e di fiori che emanano un profumo stupendo in tutto il vicinato…
L’estate esco fuori tavolini e sedie e intrattengo i miei ospiti offrendo loro gustose cene trascorrendo delle serate stupende…
Si, so che a fianco alcuni giorni saltano il pranzo per pagare l’elettricità, ma io cosa posso farci se hanno perso il lavoro e se la politica non è in grado di aiutarli?
Io ho degli amici importanti e quando mi serve qualcosa posso sempre contare su di loro, si fanno in quattro per me.
I miei figli son tutti sistemati bene, ho trovato loro impieghi importanti e sono sereni e realizzati. Possono permettersi ogni cosa. I loro sacrifici di anni di studio sono stati ripagati bene.
I figli del vicino invece, pur avendo preso la laurea sono tutti disoccupati…
Dispiace, li aiuterei, ma non sono figli miei.
La vita è un dono prezioso e bisogna godersela fino in fondo. Gli altri devono arrangiarsi da soli.
A me non importa nulla della politica, voglio restare a casa mia perché tanto a me non manca nulla, vivo nel benessere e anche ai miei figli non manca nulla.
Il mio Paese sta male? Peccato, speriamo si possa riprendere quanto prima, ma non credo possa fare qualcosa per aiutarlo….
L’importante è che tutto ciò che riguarda me e la mia famiglia resti così com’è a lungo.
Preferenze politiche?
Direi che non mi sento né di destra, né di sinistra né di centro, non mi rispecchio in nessuna formazione politica in particolare, io voto quella che garantisce il benessere alla mia famiglia. Si perché appartengo al numeroso ceto degli egoisti. Sono un Italiano dei tempi moderni.
Lo tsunami economico e sociale? Si abbatterà in ogni caso sempre sui poveri disgraziati…. Fino ad oggi è stato così… sono fiducioso… il mio giardino sarà salvo!
Cristian Parabita

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento