domenica, 23 luglio 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Luciano Lunghi:
Rai, vergogna e ingiustizia
non finiscono mai
Pubblicato il 30-07-2015


Caro Direttore, da aspettatori-abbonati, si assiste molto alla dispute televisive – da parte dei politici – che concernono, una prossima riforma della RAI. Ciò che fa specie è che “ non si menziona mai, al fatto che la RAI , pur essendo un servizio pubblico, utilizzabile tramite abbonamenti, dal punto di vista del trasformismo e deterioramento sulle opere d’arte”, a causa della immensa pubblicità (specie nelle ore di maggiore ascolto) si comporta peggio delle TV commerciali. Se poi si tiene conto che pubblitalia – che fornisce la pubblicità – fa capo delle proprietà di un tale che elude – e spesso evade – le imposte il quadro è completo. Infine se si prende in esame il comportamento della stessa Azienda, in questione, a riguardo delle forze politiche che più hanno contribuito alla rinascita del bel Paese nel dopoguerra, che dire : la vergogna e le ingiustizie non finiscono mai. Ringrazio anticipatamente per l’attenzione ed auguro a voi tutti BUONE VACANZE.

Luciano Lunghi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato siria UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento