domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Cardone:
Agenzia delle Entrate,
fare presto e bene
Pubblicato il 13-07-2015


All’atto del suo insediamento nel giugno 2014 al vertice dell’Agenzia della Entrate, la Dott/sa Orlandi aveva parlato di sterzata gestionale, in quanto la stessa Agenzia si era allontanata dalla mission iniziale e quindi non più adeguata alle mutate esigenza della società italiana ed europea.

Poco clamore, niente blitz sempre fini a se stessi e con poco gettito, più intelligence .

In questo periodo l’Agenzia delle Entrate è scossa da un pericoloso terremoto strutturale prodotto dalla nota sentenza della Consulta, la 37/ 2015.

La decadenza di circa 800 dirigenti, incaricati senza le normali procedure concorsuali, non è una cosa da poco e da sottovalutare.

Siamo assistendo ad importanti confronti teorici/ pratici sulla stampa specializzata, ma bisogna riconoscere che la via è effettivamente stretta.

Il sottosegretario all’economia Zanetti con molta chiarezza e competenza ha invitato gli interlocutori a non considerare l’Agenzia come un’azienda, in risposta a chi teorizza la solita sanatoria di marca italica.

I poteri assegnati all’Agenzia richiedono equilibrio e competenza.

Maurizio Leo profondo conoscitore dell’ambiente ha invitato ad una soluzione che non penalizzi le professionalità interne e che la selezione sia trasparente tenuto conto della mission assegnata all’Agenzia delle Entrate .

Non di secondaria importanza l’obiettivo del maggior gettito atteso dalla lotta alla evasione ed alla elusione fiscale, aggiungiamo noi il gettito afferente gli accertamenti sostanziali.

Anche la Dott/sa Orlandi è intervenuta sostenendo che senza merito e competenze l’Agenzia perde di qualità.

Il Governo ha deciso per l’inserimento di una norma specifica all’interno del Decreto Legge sugli Enti Locali… speriamo che le mele vadano bene con le pere.

Una soluzione provvisoria va trovata mettendo un freno all’assalto alla “ diligenza “ che ha caratterizzato gli ultimi anni, con cordate interne tipo “ catena di Sant’Antonio.

Accanto alla soluzione dirigenti, in sede di discussione ed approvazione dei Decreti Legislativi sulla delega fiscale, un passaggio sulla organizzazione agenziale andrebbe fatta.

L’Agenzia delle Entrate, modificando il suo assetto iniziale, negli ultimi anni, si è allontanata dal territorio chiudendosi tra quattro mura, con prolisse strutture provinciali e con svuotamento delle strutture zonali, sedi dove si formavano funzionari e dirigenti… sul campo .

A noi piace il contatto con il territorio così come prevede, ad esempio, l’organizzazione della Guardia di Finanza che statisticamente ci conforta con importanti risultati quanti/qualitativi.

Un ultima questione riguarda la convenzione con Il Ministero dell’Economia in applicazione di una norma del 1999.

L’ultima convenzione è scaduta nel dicembre 2013.

L’ultimo segnale del Ministro è contenuto in una Circolare dell’Agenzia, datata Agosto 2014, dove richiama l’indirizzo dello stesso Ministro per il conseguimento degli “obiettivi”.

Si naviga a vista e per di più in un mare periglioso e tutto ricade sui sacrifici degli operatori dell’Agenzia.

Mario Cardone
Segretario Provinciale PSI Modena

 

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento