venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Cardone:
La querelle tra Modena e Reggio E.
Pubblicato il 20-07-2015


La querelle tra i due Assessori di Modena e Reggio nell’Emilia non è dovuta al caldo, ma alla presa di coscienza di una scelta politica sbagliata dovuta alla fretta e a strani interessi di bottega.

La polvere depositata sotto il tappeto è venuta fuori e bene ha fatto l’Assessore modenese.

Ancora una volta i Socialisti modenesi avevano visto giusto… ci affidiamo ai documenti ufficiali dell’epoca.

Nella primavera del 2011 i Socialisti modenesi emisero una nota sulla fucina dell’Ente Provincia che insolitamente aveva le “ braci “ accese alimentate da una strana fretta politica.

Invitati, insieme ad altre forze politiche dell’allora maggioranza, in premessa si condivise la filosofia delle fusioni, incorporazioni, quando l’oggetto è il pubblico interesse, la riduzione di costi e le sinergie tra Enti .

Nel caso di specie, dicemmo, che un intervento strutturale di tale portata avrebbe richiesto una solidarietà politica importante, preventiva.

Certe discrasie furono analizzate, ma la fucina era in funzione e non furono tollerate intromissioni … il disegno era tracciato. Lo squilibrio patrimoniale fu evidenziato Il conto economico sofferente di Reggio e Parma era documentato. La obsolescenza dei mezzi di trasporto era documentata (media 15 anni ). Per noi la apprezzata volontà politica non era sufficiente ai Modenesi.

Chiedemmo un intervento di riequilibrio patrimoniale da parte di Reggio e Piacenza in conto capitale. Chiedemmo chiarimenti sul costo burocratico delle fusione determinato in 2 mln di euro.

Che dire degli strani patti parasociali per la gestione della società !

Le previsioni azzardate, la fretta e l’arroganza politica di un PD autosufficiente stanno producendo dei danni ai Modenesi.

Mario Cardone
Segretario Provinciale PSI Modena

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento