giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Unità sindacale.
Cgil Cisl Uil ci riprovano
Pubblicato il 13-07-2015


Cgil Cisl Uil

L’unità sindacale è un tema sentito mille volte. Di cui di è discusso in tutte le sedi possibili. Sta di fatto che pomeriggio di lunedì si sono riunite le segreterie unitarie di Cgil, Cisl e Uil, dopo tre anni e mezzo dall’ultima riunione. Sono 24 i sindacalisti chiamati a raccolta, con alla guida i tre segretari generali. Susanna Camusso (Cgil), Annamaria Furlan (Cisl) e Carmelo Barbagallo (Uil). La riunione si svolge in una saletta ad hoc, realizzata nelle sede della Uil.

L’ultimo appuntamento che ha riunito le segreterie nazionali dei tre sindacati si era svolto il 17 gennaio 2012 quando le sigle avevano stilato un documento sui temi della competitività indirizzato al Governo Monti. Dopo di che si sono svolti altri incontri unitari, ma mai di tutte le segreterie e su tematiche non generali.

L’incontro si svolge in una saletta voluta da Barbagallo proprio per questo scopo appena dopo il suo insediamento definita appunto “saletta unitaria” (anche se ufficialmente dedicata al sindacalista Arturo Chiari) dove campeggia un manifesto dell’assemblea dei quadri e delegati delle tre sigle confederali del 2004 con lo slogan “Costruiamo il futuro”.
Aspettando l’arrivo delle segretaria Barbagallo ha scherzato con i giornalisti sul lieve ritardo delle due colleghe: “E’ tanto che aspetto, non ore ma mesi, oggi comunque è importante”. All’incontro sono presenti tutti e i segretari confederali della tre organizzazioni (24 se si includono i generali).

Le politiche per la ripresa economica (cominciando da fisco e pensioni), la contrattazione e il Mezzogiorno: sono i tre grandi temi sul tavolo delle segreterie unitarie di Cgil, Cisl e Uil, che si sono appena riunite. L’obiettivo è portare avanti un percorso unitario proprio su questi capitoli.

Intanto domani 14 luglio i sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl, Uilp-Uil manifesteranno a Roma, in Piazza del Pantheon (dalle ore 9,30 alle ore 12,30) in occasione della discussione in Senato per la conversione in legge del decreto del Governo sulle pensioni. Presidi e manifestazioni – si legge in una nota – continuano ad essere organizzati in questi giorni in tutti i territori. Spi, Fnp, Uilp chiedono che il decreto sia migliorato per renderlo più equo e rispondente alla sentenza della Corte Costituzionale che ha sancito l’incostituzionalità del blocco della rivalutazione delle pensioni di importo superiore a tre volte il minimo per il biennio 2012-2013.

In particolare i sindacati chiedono al Parlamento che sia ristabilito il montante delle pensioni in essere e che sia incrementato il loro importo mensile per impedire che il danno verso i pensionati diventi permanente. Il 16 luglio, inoltre, proseguirà il tavolo di confronto tra i sindacati dei pensionati e il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti per dare risposte a milioni di persone che in questi ultimi anni di crisi economica, aggravata dalle errate e unilaterali decisioni dei Governi, con le loro modeste pensioni e con il loro lavoro di cura hanno sostenuto figli e nipoti disoccupati e inoccupati, sostituendosi a un welfare troppo spesso insufficiente.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento