sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Campania: quale futuro
per l’agricoltura?
Pubblicato il 17-08-2015


Vigneto Area FlegreaIndubbiamente, per i Campi  Flegrei, l’agricoltura rappresenta un’attività poco conosciuta. La conformazione del territorio esposto verso il mare tende a spostare gli interessi economici verso quest’ultimo settore, lasciando l’agricoltura la parte dell’economia di terra flegrea, per così dire, marginale. Eppure l’agricoltura nei “Campi  Ardenti”, è legata a tradizioni secolari ed è andata sempre a braccetto con la pesca e la cucina, contribuendo allo sviluppo delle attività commerciali – ristorative, su cui si fonda gran parte dell’economia di molti comuni quali, Pozzuoli,  Bacoli, Monte di Procida e delle vicine isole di Procida ed Ischia.

Purtroppo la crisi finanziaria delle economie globali ha sicuramente “falciato” un settore già provato. Negli ultimi  tempi è  purtroppo diminuito ancora il numero degli agricoltori in produzione e, fra l’altro, i prezzi dei prodotti acquistati dagli agricoltori sono aumentati del 2,1% e quelli dei prodotti venduti sono calati dell’1,5 %. Quindi, per ora, la tendenza già registrata in passato non si ferma, né si stabilizza. Intanto, però, rischiano di scomparire quelle poche medio-piccole imprese, che finora hanno preservato la biodiversità, la località e quindi la cultura dei nostri territori e che hanno il futuro segnato se non ci saranno cambiamenti forti.

L’agricoltura, come gli altri settori dell’economia nazionale, non è immune dai processi di industrializzazione. Ma l’idea che si possa produrre cibo senza contadini è utopica. Cerchiamo di non arrivare a questo.

Rosario Scavetta

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento