domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La polizia ha arrestato gli scafisti della nave libica
Pubblicato il 07-08-2015


libiaTre algerini e due libici sono stati arrestati oggi con l’accusa di omicidio plurimo aggravato e di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, dopo il naufragio di un’imbarcazione carica di migranti al largo delle coste libiche, che potrebbe avere causato oltre 200 morti. I cinque sono stati arrestati a Palermo, dove sono sbarcati giovedì pomeriggio nel porto di Palermo dalla nave militare irlandese “Le Niamh” assieme a sopravvissuti, in tutto 362. A terra sono state trasportate anche le salme di 26 persone, tra cui tre bambini. Lo riferisce oggi un comunicato della questura di Palermo.

I sopravvissuti hanno raccontato di torture e violenze subite durante il viaggio, in molti erano stato rinchiusi a chiave nella stiva e non ce l’hanno fatta.

La tragedia si è consumata mercoledì, quando un barcone con a bordo centinaia e centinaia di migranti si è capovolto a circa quindici miglia a nord della Libia proprio quando stavano per arrivare le barche dei soccorritori. “In mare sono stati avvistati tantissimi pezzi di legno e giubbotti di salvataggio. L’imbarcazione si è capovolta”. Così riferiva il 5 agosto il presidente di Medici senza frontiere, Loris De Filippi, sul naufragio di migranti al largo della Libia.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento