martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Elide Alboni:
La verità sugli esodati
Pubblicato il 31-08-2015


Vorrei riepilogare la situazione del fondo esodati. Sulla carta ci sono i famosi 11.600 milioni della legge 228/2012. Un miliardo e 600 milioni dicono servano per la settima salvaguardia fino al 6 gennaio 2017, che nel ddl ha dentro sì esodati, ma anche quota 96, ferrovieri, marittimi e un numero elevato di legge 104. Poi viene lasciato tutto nel vago devastante su cosa faranno dopo per i due anni successivi sebbene ci siano i 3 miliardi e 300 milioni risparmiati nelle sei salvaguardie.

Ne sono stati salvati 114.000 e già pensionati 78.000. Ora si attende di sapere in questo guazzabuglio di interviste e vari deliri dei politici come pensano di salvare altri 49.500 esodati che ne hanno diritto, se con l’accetta per mettere dentro svariate altre categorie non esodate o facendo solo ciò che è equo e civile: usare davvero tutte le risorse rimaste – quei 3 miliardi e oltre – nel fondo esodati per quelli veri, trovando fondi per le altre criticità che pur devono trovare risposta, ma stanno ancora lavorando.

Il punto cruciale è questo e la nostra rivendicazione dopo 4 anni è chiudere il dramma esodati con le riserve del fondo che sono più che sufficienti per 49.000 persone. Poi che li stanzino a Natale o Pasqua o per il compleanno di Damiano o Poletti o del commesso della Camera non è importante! Importante è salvaguardare tutti gli esodati del transitorio 2011/2018 avendo certezza delle rimanenze sul fondo senza firmare, come ha fatto una onorevole, un ddl con dentro categorie che non sono esodate. Bisogna impedire pericolosissime emorragie e giungere alla fine del transitorio, il 6 gennaio 2019, evitando che la lotta continui a essere estenuante per chi si ritrova senza un euro. Questo disastro sociale non si può più tollerare.

Elide Alboni

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento