lunedì, 20 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Leonardo Scimmi:
Riformare la società – identità
Pubblicato il 18-08-2015


Cari compagni scrivo dal Collegio Europeo che coordino da circa due anni con risultati insperati.

Il passato ci aveva fatto vivere momenti di gloria, quando il PSI all’estero in alcune zone superava perfino il PCI, per esempio in Svizzera. E perfino il Presidente Pertini era venuto a Zurigo ed  in memoria della visita alla Casa d’Italia fu posta un marmo. Ahinoi la situazione non era più rosea dopo il tracollo del 1993 ed i compagni all’estero si sono per molto tempo allontanati anche dal partito, oltre che dall’Italia e dalla Patria. Molti sono andati nel PD perché l’appartenenza politica all’estero é importante anche per sentirsi ancora parte di quel mondo che, in qualche modo, ti ha respinto ma che ancora porti dentro.

Altri avevano seguito le associazioni di appartenenza  nelle nuove esplorazioni. Dopo mesi e mesi di lavoro costante e di capillare ritrovamento dei compagni siamo riusciti a ricostruire le federazioni in Francia, Svizzera, Belgio, Lussemburgo, UK e Germania, anche se la Germania é ancora in una fase embrionale. Questo é stato possibile con il lavoro di tutti e con una parola d’ordine: il socialismo craxiano e l’impegno organizzativo. L’identità, l’appartenenza alla famiglia socialista autonoma e identitaria, il craxismo, perché ai socialisti non va giù il verso in cui la storia degli ultimi 20 anni é stata scritta e perché Craxi ci ha lasciato più di quanto pensiamo: il coraggio di andare contro tutto.
Quale é lo scopo della ricostruzione? Lo scopo é semplice: far rinascere il PSI forte e competitivo alle elezioni. Quale lo scopo di un PSI forte? Riformare la società, come insegna il riformismo da più di un secolo. Ci sembra forse che l’Italia e l’Europa ed il mondo abbiano esaurito la loro lotta contro le ingiustizie, contro la fame, contro la povertà, contro lo sfruttamento, contro la guerra ingiusta, la sopraffazione? Ci sembra che l’Italia abbia finito la sua corsa verso il recupero di uno standard di vita sicuro, tutelato, sereno, senza pericoli?
Ci sembra che sacche di privilegio ingiustificato e sfruttamento siano state eliminate? Ci sembra che le scuole le strade le infrastrutture siano degne di un Paese che era quinta potenza mondiale? Non credo, quindi la missione non é finita, l’eguaglianza e la libertà non sono state raggiunte, ci si arriverà a piccoli passi forse, e questo é lo scopo dei socialisti e del socialismo. Questo risultato passa attraverso la rinascita del PSI, che é il partito che possiede gli strumenti per riformare la società ed anche attraverso la ritrovata reputazione internazionale dell’Italia, sulla quale ancora si deve lavorare molto.
Non stiamo dando ora un bello spettacolo litigando, dividendoci come al solito per questioni interne più che ideali, sia nel PSI che in Italia. L’invito é a calmare gli animi e ritrovare unità, per lavorare tutti insieme al progetto socialista. Alziamo lo sguardo al cielo, alle stelle, eleviamoci al di sopra delle beghe partitiche che tanto male fanno all’Italia.
C’è un bene più grande da seguire.
Leonardo Scimmi
Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento