domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Silvano Rometti: Decisioni del Psi sempre condivise
Pubblicato il 07-08-2015


La scelta individuale annunciata da Marco Di Lello, politicamente legittima, ma sbagliata nella forma e nella sostanza, pur non raccogliendo adesioni nel Partito, ha aperto un intenso dibattito relativo alle decisioni che furono assunte in vista delle elezioni di due anni fa.
In particolare sulle sin troppo sintetiche e parziali ricostruzioni di Angelo Sollazzo, su quanto avvenuto alla vigilia della presentazione delle liste per le elezioni politiche del 2013, contenute in una nota apparsa su un social network, mi preme sottolineare che la decisione di aderire alla proposta, conseguenza della decisione del Pd di non concedere l’apparentamento al Psi per la Camera, di inserire candidati socialisti nelle liste Pd di Camera e Senato fu assunta e votata dalla segreteria nazionale, convocata all’uopo con la partecipazione dei segretari regionali del partito.

Dopo un lungo dibattito, tutti furono concordi, ad eccezione di Bartolomei, di aderire alla proposta presentata dal Pd, pur con le ovvie riserve e punti di vista diversi sull’individuazione delle circoscrizioni elettorali in cui collocare i candidati, che non apparvero certo congrue al peso elettorale del Psi in ciascun territorio.

Silvano Rometti

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento