giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Avanti! CON IL PSI
Pubblicato il 11-09-2015


APERTURA- 2 giorno

“Una Festa dell’Avanti eccellente, la più importante del quinquennio. Per gli ospiti, tutti di alto profilo, per il luogo, strappato alla criminalità organizzata, per il momento in cui si tiene, appeso tra la riforma del Senato, la ripresa economica, il tema ‘caldo’ dei diritti civili e il nodo migranti”. Lo ha scritto sul suo profilo di FaceboFesta Avanti 2 smallok il segretario del Psi, Riccardo Nencini, annunciando la Festa del 2015 che comincia oggi a Roma e chiuderà il 13 settembre. Tra gli ospiti, membri del governo ed esponenti di forze politiche di maggioranza e opposizione: da Maria Elena Boschi a Angelino Alfano, Luca Lotti, Stefania Giannini, Sandro Gozi, Giovanni Toti, Giorgia Meloni, Giuliano Poletti, Susanna Camusso, carmelo Barbagallo e Marco Pannella. “Discuteremo di Italia ed Europa – ha proseguito Nencini – di riforme e di economia, di istituzioni e di migrazioni. In ogni dibattito verranno presentate le proposte socialiste. Sul palco mancherà solo Salvini. Invitato, ha declinato. Meglio litigare con lo specchio”- ha concluso.

“Il giornale Avanti! ha segnato la storia di questo Paese, anticipandone gli eventi”, e annoverando al suo interno”i grandi personaggi del Paese”. Così Luciano Romanzi, segretario regionale del Psi Lazio, ha aperto la festa nazionale dell’Avanti!, insieme a Claudio Bucci, responsabile nazionale programma Psi, Oscar Tortosa, della direzione nazionale Psi, Oreste Pastorelli (tesoriere del Psi e presidente del Cda Mondoperaio e Avanti!) e Mauro Del Bue, direttore dell’Avanti!

“Vogliamo ricominciare da capo e auspichiamo questo attraverso un dibattito che porti a riflessioni e a nuovi progetti”, ha detto Romanzi, aggiungendo “vogliamo tenere aperta la strada maestra del Partito socialista. Vogliamo risposte concrete e attenzione alle problematiche comuni. Vogliamo portare avanti un nostro progetto, un nostro programma”. Con “ambiente, territorio e cultura possiamo segnare una nuova strada e ripartire”. E invitando i compagni “a lasciar perdere inutili comunicazioni che stanno producendo solo confusione”. Ricordando che come socialisti “dove siamo impegnati eleggiamo e portiamo avanti risultati importanti”.
Oscar Tortosa ribadisce il problema di “trovare una soluzione alla diaspora dei socialisti riproponendo le grandi battaglie riformiste”. L’Avanti! è un giornale importante perché “ha portato avanti le battaglie più importanti di questo Paese, come i diritti civili”. Tortosa ha ricordato come molti siano i socialisti “nella diaspora ma è bene che molti ci rimangano, vista la strada intrapresa” portando l’esempio di Cicchitto.

Una volta “nonostante le correnti c’era comunque il Partito sotto cui eravamo uniti”.
“Non è più il tempo di stare fermi”, afferma Claudio Bucci, aggiungendo che “questo è un Paese che va avanti con demagogia e consenso”. “Dobbiamo avere il coraggio della verità, e distinguerci”. Bucci poi mette in primo piano il problema di Roma e ricorda “l’immobilismo di Marino”. “Non possiamo più permetterci di stare fermi”, conclude Bucci.

Il direttore Mauro Del Bue sostiene: “Devo dire che se l’Avanti! è letto da tutti è perché ci abbiamo lavorato tutti, cominciando dalla redazione”. Il direttore porta l’esempio di un altro giornale l’Unità: “Lo Stato si è fatto carico dell’Unità”, mentre “nel ’93 vennero negati i finanziamenti all’Avanti!, un trattamento diverso”. Del Bue racconta della nascita del giornale “il giorno di Natale del 1896” un giorno scelto per legare assieme gli ideali socialisti con i valori cristiani.

“Mi piace ricordare Nenni quando diceva che ‘per fare politica mi basta una segretaria e l’Avanti!”, spiega il direttore riportando l’attenzione su quanto sia stato importante politicamente questo giornale. L’Avanti! “ha saputo parlare al cuore e alla testa degli italiani”, e “troncare questa storia è stata una violenza”.

Oreste Pastorelli spiega la scelta di Villa Oslo per la festa dei socialisti in quanto “questo posto è stato confiscato alla mafia”, e noi “abbiamo sempre portato avanti le battaglie contro la criminalità”.
“Siamo un piccolo partito – continua Pastorelli – ma abbiamo grandi strumenti, come la rivista mondoperaio e il nostro Avanti!, un orgoglio non solo dei socialisti”.

Gli Interventi della prima giornata:
Welfare e sviluppo. Un nuovo inizio per il lavoro
Il nuovo inizio dell’Italia dei diritti
Politica e partiti. Work in progress
Immigrazione. Il nuovo inizio per l’Unione europea

Gli interventi della seconda giornata

Governo. Obiettivo 2018
Riforme. Dentro il nuovo inizio dell’Italia

Il programma della Festa

La diretta dalla Festa:

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento