domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

In aumento i consumi, ma la prudenza è d’obbligo
Pubblicato il 09-09-2015


Consumi-aumentoLe famiglie italiane sembra siano tornate a spendere: l’indicatore dei consumi di Confcommercio ha rilevato un incremento dello 0.4% a luglio rispetto a giugno, e del 2.1% tendenziale dal 2010, la variazione più elevata da cinque anni. Confcommercio, inoltre, conferma le proprie previsioni per una crescita del Pil dell’1,1% nel 2015 e del 1,4% nel 2016. Prudenza espressa dal presidente della Confederazione, Carlo Sangalli e dal Codacons. Nel frattempo, secondo l’Ocse, l’Italia è tra i Paesi europei in cui la disoccupazione è scesa in modo più marcato.

I DATI CONFCOMMERCIO – Secondo le rilevazioni del Centro Studi di Confcommercio a crescere sono stati i  beni  e i servizi per la mobilità (+8.8%) e quelle per le comunicazioni (+5.1%). Quelli per la casa hanno registrato un aumento più contenuto (2.1%) in controtendenza rispetto all’andamento stagnante dei precedenti mesi. I segni negativi ormai «sono archiviati, c’è un risveglio dei consumi e la fiducia delle famiglie è su livelli massimi» ha spiegato Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, durante la presentazione dei dati. «La ripresa c’è, ma la prudenza è d’obbligo». E dopo «molti anni di crisi, il governo deve vincere la scommessa di trasformarla in una crescita robusta, duratura, diffusa tagliando le tasse su imprese e famiglie».

PRUDENZA ANCHE DAL CODACONS – Sui dati diffusi da Confcommercio si è espresso il Codacons che riconosce l’importanza dei dati, «ma è ancora presto per cantare vittoria. Alla base del forte incremento dei consumi registrato a luglio, vi è la spinta determinata dai saldi estivi» ha spiegato il presidente Carlo Rienzi. «Per la prima volta negli ultimi 8 anni, infatti, gli sconti di fine stagione hanno fatto registrare un andamento generale positivo, che si è riversato sul dato finale dei consumi». E poi conclude: «Tuttavia la strada per la ripresa definitiva della spesa da parte delle famiglie è ancora molto lunga e vi sono 80 miliardi di minori consumi da recuperare, persi tra il 2007 al 2014 a causa della crisi economica e della perdita di potere d’acquisto dei cittadini che hanno drasticamente ridotto i consumi».

OCSE: ITALIA DISOCCUPAZIONE SCESA IN MODO PIÙ MARCATO – Nel frattempo l’Ocse ha reso noto che l’Italia è il Paese europeo in cui la disoccupazione è scesa in modo più marcato nel mese di luglio, con una contrazione di 0,5 punti percentuali, al 12% pari a circa 143 mila senza lavoro in meno. In particolare, secondo i dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico è in netto calo la disoccupazione giovanile che è passata dal 42% di maggio e dal 43,1% di giugno al 40,5%.

Siria Garneri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento