domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dieselgate. Lo scandalo si allarga a macchia d’olio
Pubblicato il 24-09-2015


Volkswagen-test truccatiFinora il cosiddetto Dieselgate era circoscritto agli Usa, dove la stessa Volkswagen aveva riconosciuto di aver manipolato i test anti-smog di quasi 500 mila automobili con motore diesel. In un secondo momento il colosso tedesco ha ammesso che sono 11 milioni i veicoli VW dotati del dispositivo che aveva permesso di truccare le misurazioni dei gas di scarico. Oggi il ministro dei Trasporti tedesco, Alexander Dobrindt ha reso noto che «anche in Europa veicoli con motori diesel 1.6 e 2.0 sono stati manipolati», aggiungendo che non è ancora chiaro quanti veicoli siano coinvolti. Nel frattempo, dopo le dimissioni dell’ad di VW altri vertici del gruppo lasciano il loro incarico.

LE INDISCREZIONI: COINVOLTA ANCHE BMW, TITOLO CROLLA – Secondo il giornale tedesco ‘AutoBild’ – che cita dati Icct (International Council on Clean Transportation, l’osservatorio internazionale che ha ‘smascherato’ Volkswagen, ndr) – nello scandalo sarebbe coinvolta anche Bmw. In particolare, il modello X3Drive 20d avrebbe superato di 11 volte i limiti previsti dalle norme euro6 sulle emissioni di ossido di azoto. Immediata la replica dell’azienda tedesca: «Bmw non manipola i suoi veicoli». In ogni caso, l’accusa fa crollare il titolo in Borsa che perde il 5,6%. Ma a soffrire è l’intero comparto dell’automobile: Fiat cede oltre il 7,33%

DIMISSIONI DI ALTRI VERTICIDopo le dimissioni dell’amministratore delegato di VW, Martin Winterkorn – cui spetterà una pensione milionaria – altri vertici del gruppo si dimettono dal loro incarico: Wolfgang Hatz di Porsche e Ulrich Hackenberg di Audi lasciano il consiglio di amministrazione di Volkswagen in seguito allo scandalo. A riportalo è la riporta la Cnbc, che cita alcune fonti. Secondo fonti della compagnia, domani – oltre all’annuncio del successore dell’amministratore delegato di VW – saranno rivelati i responsabili della manipolazione tecnologica che ha gettato fango sulla reputazione del colosso automobilistico.

Siria Garneri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento