giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Diritti civili. Boldrini: «Sessione parlamentare ad hoc»
Pubblicato il 16-09-2015


Boldrini-diritti civili

«Una sessione parlamentare ad hoc – in Aula alla Camera – dedicata ai diritti e le libertà fondamentali nel nostro Paese». Così la presidente della Camera, Laura Boldrini durante la presentazione dell’Annuario italiano dei diritti umani. Boldrini ha specificato che l’iniziativa sarà da lei proposta alla conferenza dei capigruppo. Riccardo Nencini, leader del Partito socialista italiano: «Una buona notizia, ne siamo felici. Sono anni che rivolgiamo questo invito. Il presidente Grasso faccio lo stesso».

BOLDRINI: CALENDARIZZARE SESSIONE SU DIRITTI E LIBERTÀ – Nell’Annuario 2015 – spiega Boldrini – “mi hanno in particolare colpito due raccomandazioni specifiche che chiamano in causa anche la responsabilità e le competenze del Parlamento: l’invito a procedere quanto prima all’istituzione della Commissione nazionale per i diritti umani e, soprattutto, l’invito a svolgere un dibattito parlamentare annuale sui diritti umani. Li accolgo entrambi convintamente, ma devo ricordare che per la costituzione della Commissione nazionale è necessario un intervento legislativo, e questo non è nelle mie facoltà. Nella mia veste istituzionale – ha aggiunto – posso invece attivarmi per l’immediata attuazione del secondo invito. La presidente della Camera ha quindi promesso che proporrà – alla Conferenza dei Presidenti dei gruppi – «la calendarizzazione nei lavori dell’Assemblea della Camera di una sessione parlamentare dedicata alla verifica del rispetto delle libertà e dei diritti fondamentali nel nostro Paese».

NENCINI: ACCOLTO NOSTRO APPELLO, GRASSO FACCIA LO STESSO – «Finalmente la Presidente della Camera Boldrini ha accolto l’invito che le rivolgiamo ormai da anni. Ne siamo felici, una buona notizia. Invito il presidente Grasso ad assumere la stessa iniziativa». Così Riccardo Nencini, segretario del Psi, che aveva fatto appello sin dall’inizio di questa legislatura ai presidenti di Camera e Senato perché si tenesse una sessione straordinaria sui diritti civili ‘di terza generazione’ e le libertà fondamentali.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento