venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Festival di Venezia.
La 72° mostra del cinema
all’insegna della musica
Pubblicato il 28-09-2015


Lorenzo Vigas

‘Desde Allá’ di Lorenzo Vigas vincitore del Leone d’Oro

La 72° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia che si è chiusa lo scorso 12 settembre con il Leone d’Oro a “Desde Allá” di Lorenzo Vigas è stata sicuramente all’insegna della musica, sia per quanto riguarda i film in concorso che per i documentari e gli eventi speciali. Tra i film in concorso spicca “Heart of a Dog” di Laurie Anderson, straordinaria artista multimediale statunitense (musicista, cantante, scrittrice, regista) al suo secondo lungometraggio dopo “Home of the brave” del 1986, che qui racconta la perdita del suo amato cane Lolabelle, della madre e del compagno di una vita, il rocker Lou Reed (a cui il film è dedicato), presente anche in un cameo nel ruolo di un dottore e alla fine del film sui titoli di coda con il brano “Turning Time Around” (dal disco “Ecstasy” del 2000).

La musica, firmata dalla stessa Anderson, percorre tutto il film con brani per violino, quartetto d’archi, canzoni ed elettronica ambient, tra intense riflessioni sull’amore e sulla morte. In “Sangue del mio sangue” di Marco Bellocchio, con la musica di Carlo Crivelli, si ricorda una particolare versione di “Nothing else matters” dei Metallica cantata dal coro femminile Scala & Kolacny Brothers. In “Per amor vostro” di Giuseppe Gaudino, premiato con la Coppa Volpi a Valeria Golino, da segnalare le musiche degli Epsilon Indi e un piccolo cameo della cantautrice Momo (Simona Cipollone). Incentrato sulla passione per la musica è “Marguerite” di Xavier Giannoli, storia di una cantante lirica stonata con le musiche di Ronan Maillard. “A Bigger Splash” di Luca Guadagnino racconta invece la storia della leggenda del rock Marianne Lane (Tilda Swinton) con le musiche di Antonio Carlos Jobim, Giacinto Scelsi, John Adams e Popul Vuh. In “11 Minut” del polacco Skolimowski la musica di Pawel Mykietyn accompagna la frenetica sceneggiatura fino alla tecno ossessiva del finale travolgente.

Tra i film di fiction fuori concorso merita senz’altro di essere visto “Non essere cattivo” di Claudio Caligari (il regista cult di “Amore tossico”, scomparso a maggio di quest’anno) che si chiude con il brano inedito “A cuor leggero” del cantautore romano Riccardo Sinigallia, che ha ricevuto il Premio Assomusica 2015 “Ho visto una canzone”. Tra i documentari fuori concorso “Janis” di Amy Berg, dedicato alla leggenda del blues e del rock Janis Joplin, con la voce narrante di Chan Marshall (la cantautrice Cat Power), per vederlo in anteprima è sbarcata al Lido anche Gianna Nannini. A proposito di rockstar, nella sezione “Il Cinema nel Giardino” l’evento conclusivo è stato “Il decalogo di Vasco” di Fabio Masi, film-documentario in dieci capitoli dedicato a Vasco Rossi, vera star della 72° Mostra del Cinema, che dopo il bagno di folla sul red carpet ha incontrato i fan con Vincenzo Mollica all’inizio della prima proiezione in Sala Darsena. Sabato 26 settembre sarà trasmesso in prima visione tv alle 22.35 su Rai 3. Per la Settimana Internazionale della Critica il film di chiusura fuori concorso è stato “Bagnoli Jungle” di Antonio Capuano, notevole anche per la selezione musicale, tra hip-hop e musica più tradizionale.

Alessandro Sgritta 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento