venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gaudì. Trovata la cabina ascensore di Casa Batllò
Pubblicato il 30-09-2015


cabina gaudi- con spezialiAndrea Speziali, un giovane italiano esperto d’arte Liberty ha fatto un’eccezionale scoperta in Italia: la preziosa cabina di ascensore appartenuta a Casa Batllò di Barcellona. La prestigiosa dimora, progettata da Antoni Gaudì tra il 1904 e 1907, è diventata  una delle architetture più note al mondo in stile Art Nouveau e il 23 settembre scorso si sono festeggiati i dieci anni da quando l’UNESCO ha dichiarato Casa Batllò Patrimonio dell’Umanità.

Affascinato dalla bellezza dell’opera, un facoltoso collezionista del sud Italia acquista la cabina d’ascensore, alcuni mesi fa, da un privato e si rivolge ad Andrea Speziali per ottenerne l’expertise. Gli studi e le ricerche condotte dallo studioso ricondurrano poi l’opera senza dubbio a Casa Batllò di Barcellona, come affermato dallo stesso Speziali.

Interno cabina-Gaudi

I vetri soffiati, l’andamento segnico – coloristico delle decorazioni e le giunture sono le medesime che si ritrovano nella casa progettata da Antoni Gaudì. Il legno (mogano), e la pavimentazione interna della cabina, è lo stesso utilizzato per porte e finestre della casa barcellonese.
Un’altra conferma è legata, secondo il giovane esperto italiano, ai metalli utilizzati per le maniglie della cabina, ancora una volta, gli stessi impiegati per Casa Batllò.

Una nota di rilievo è ricavata dalle dimensioni dell’attuale ascensore di Casa Batllò che combaciano con le misure della storica cabina, anche considerando lo spessore d’ incastro della sua base destinato a livellare la struttura al pavimento.

Sono tutti elementi che contribuiscono a supportare l’ originalità dell’opera  montata dalla ditta Fuster & Fabra Hermanos con sede a Barcellona.

Ditta costruttrice dell'ascensore

Ditta costruttrice dell’ascensore

E ancora, la storia raccontata dal figlio dell’imprenditore spagnolo, che durante il periodo franchista trasporta la cabina a Palermo dove risiede la famiglia, ci restituisce il ricordo di quando era bambino nel tempo in cui il padre, attivo nel settore edilizio, aveva recuperato, da edifici in fase di ristrutturazione o demolizione, diverse proprietà assieme alla cabina Art Nouveau.

L’idea progettuale della cabina, secondo il parere di Andrea Speziali, avvallato da altri esperti e critici d’arte italiani e spagnoli, parte da Gaudì che avrebbe commissionato la progettazione a Lluís Domènech i Montaner.

Casa Batllo¦Ç di Gaudi¦Ç a Barcellona

L’exprertise, rilasciata all’attuale proprietario della cabina, evidenzia gli elementi che  avvalorano  questa ipotesi come il taglio del legno e i decori geometrici e naturali agli angoli del tetto della cabina.  Quando direttore e funzionari di Casa Batllò sono venuti a conoscenza che la cabina si trova in Italia e hanno visto per la prima volta le foto  sono rimasti sorpresi dalla sua bellezza ed eleganza, non senza una punta di invidia.

Pur nella consapevolezza che non sarebbe possibile un ritorno a Casa Batllò, non si esclude la possibilità che l’ente gestore di Casa Batllò organizzi una conferenza in Spagna dove Speziali, assieme al massimo esperto di arte gaudiana possa discutere della scoperta.

I commenti scaturiti in questi giorni nella penisola iberica, in ordine alla notizia del felice ritrovamento,  testimoniano una certa rivalità fra i due paesi trascurando, nello stesso tempo, le radici storiche e culturali che Spagna e Italia hanno in comune.  Certo è che, almeno per una volta, il nostro Paese ha dato prova  di particolare attenzione verso il patrimonio dell’arte  e della cultura.

Si sta pensando di esporre al pubblico nel 2017, in anteprima assoluta, la cabina nel percorso espositivo di una mostra incentrata sull’opera del celeberrimo architetto Liberty Giuseppe Sommaruga  nel centenario della morte. La volontà di Andrea Speziali, come curatore dell’esposizione, è quella di stuzzicare il fruitore portando in mostra diverse proprietà straniere.

Cecilia Casadei
Redazione Italia Liberty

Per interviste al critico d’arte Andrea Speziali: Mobile +(39) 320 0445798

www.andreaspeziali.it | www.italialiberty.it

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento