venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Juve: bandiera bianca, crisi nera
Pubblicato il 29-09-2015


Napoli-JuveUn altro ko per i Campioni d’Italia, questa volta in casa di un Napoli sempre più in crescita. Solo 5 punti in 6 gare, idea scudetto quasi già accantonata e la posizione di Allegri comincia ad essere a rischio.

LA RESA DI BUFFON – In molti, alla vigilia del campionato, si aspettavano un calo della Juventus dopo gli addii di Pirlo, Vidal e Tevez. Pochi però potevano aspettarsi di vedere i bianconeri in zona retrocessione dopo 6 giornate di campionato. Per carità, sul campo del Napoli si può perdere tranquillamente, ma i passi falsi casalinghi contro Udinese, Chievo e Frosinone non lasciano alibi. Cosa non va? Tanto, tutto. Innanzitutto i numerosi infortuni: da Khedira a Mandzukic, da Morata a Marchisio, giunto già al secondo stop stagionale. I nuovi acquisti poi faticano ad ingranare, su tutti Hernanes e Alex Sandro. E lo stesso Allegri, che al San Paolo ha lasciato in panchina Cuadrado (l’uomo più in forma), non sembra avere la posizione in pugno. Il tempo per recuperare c’è, ma serve una serie di vittorie consecutive che ad oggi pare alquanto improbabile. Un segno chiaro sono le parole di Gianluigi Buffon, che sembra alzare bandiera bianca per la corsa al titolo: ‘’Lo scudetto è un discorso che per ora va accantonato. Ne riparleremo tra 3 mesi’’. Può succedere un anno di non vincere il tricolore, soprattutto dopo averne conquistati 4 consecutivi, ma di questo passo la Vecchia Signora rischia di non accedere nemmeno in Champions League. E questo nessun tifoso può accettarlo.

Inter-Fiorentina-1-4

SUPER FIORENTINA  Nella sesta giornata c’è da segnalare la clamorosa vittoria 4-1 della Fiorentina a San Siro contro l’Inter e il relativo aggancio dei viola ai nerazzurri in testa alla classifica. Mattatore della serata l’attaccante croato Kalinic, autore di una tripletta. Meritano elogi anche il Torino, terzo con 13 punti, il Sassuolo, unica squadra imbattuta del campionato e l’Atalanta, posizionata nelle zone alte della classifica. A sorridere c’è anche il Frosinone, che grazie al 2-0 all’Empoli ha ottenuto la prima, storica vittoria in serie A.

ESONERATO CASTORI – Tra i flop del sesto turno c’è il Milan, sconfitto 1-0 a Marassi dal Genoa: i rossoneri non riescono proprio a trovare continuità. La nota positiva, quasi inaspettata, è il buonissimo stato di forma di Balotelli. Ma la difesa continua a prendere gol in ogni partita. Male il Bologna, sconfitto in casa dall’Udinese, e il Verona, unica squadra insieme al Carpi a non aver vinto una gara. A proposito degli emiliani, è saltata la panchina del tecnico Castori dopo la sconfitta per 5-1 subita in casa della Roma. Decisione alquanto affrettata e poco rispettosa verso l’allenatore che ha portato sorprendentemente i biancorossi in serie A.

LA CLASSIFICA – Questa la classifica dopo la sesta giornata di Serie A

  1. Fiorentina 15
  2. Inter 15
  3. Torino 13
  4. Sassuolo 12
  5. Lazio 12
  6. Roma 11
  7. Chievo 11
  8. Atalanta 11
  9. Sampdoria 10
  10. Napoli 9
  11. Milan 9
  12. Palermo 7
  13. Udinese 6
  14. Genoa 6
  15. Juventus 5
  16. Frosinone 4
  17. Empoli 4
  18. Verona 3
  19. Bologna 3
  20. Carpi 2

Francesco Carci

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento