giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Legge di Stabilità. Il Psi in prima linea sul piano casa
Pubblicato il 16-09-2015


Via_Cenni-2_large

Progetto per Housing sociale in via Cenni a Milano

Da sempre l’emergenza abitativa è uno dei più grandi problemi del nostro Paese, ma negli ultimi tempi – a causa della crisi – inizia non solo ad aumentare, ma anche a toccare centinaia di famiglie italiane. Per affrontare un bene primario come quello dell’abitare il Partito socialista italiano ha elaborato un pacchetto di misure che andrà nella Legge di Stabilità, concernenti, appunto, il problema casa. Riccardo Nencini, segretario nazionale Psi – nonché viceministro delle Infrastrutture e Trasporti – illustra la cosiddetta pratica dell’housing sociale –che rappresenta la misura primaria – «ossia immobili – incagliati presso gli istituti bancari – che vengono rimessi sul mercato a prezzo calmierato sia nelle città Metropolitana, sia nei capoluoghi di provincia che nei comuni confinanti». In poche parole, spiega Nencini «riprendiamo alloggi fermi presso le banche, senza toccare nuovi pezzi di territorio. In questo modo – sottolinea il segretario Psi – si cerca di ridare ossigeno anche alle imprese che possono valorizzare gli immobili che rischiano in questo modo di deteriorarsi».

Nencini«Il provvedimento – dettaglia Nencini – metterà a disposizione 20 mila alloggi invenduti ad affitto calmierato, per la vendita a prezzi calmierati o affitto con possibilità di vendita, con una spesa minima di 30 milioni di euro». I beneficiari del piano casa saranno «famiglie, anziani, giovani coppie» e le tipologie di alloggio sono quelle tradizionali. L’altra misura contenuta nel pacchetto riguarda la ripetizione dei incentivi fiscali sia per l’eco-bonus che i bonus mobili. «Le ultime due misure – continua il segretario socialista –  prevedono un regime fiscale di favore per l’acquisto di abitazioni nuove ad alto standard energetico e investimenti per incoraggiare la permuta tra abitazioni usate e quelle particolarmente performanti sotto il profilo energetico». Oltre a queste misure significative vi sarà anche «un programma di interventi sull’edilizia residenziale pubblica» conclude il viceministro dei Trasporti, ricordando che «in Italia ci sono 45mila alloggi di edilizia residenziale pubblica a fronte di un bisogno che riguarda circa 700mila famiglie, mentre le abitazioni invendute si aggirano a 140-145mila».

Siria Garneri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento