domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Quella foto del bimbo morto
Pubblicato il 03-09-2015


Più ancora dei numeri disegnati a mano sulle braccia dei migranti siriani in Cechia e dei muri in Ungheria, è quella foto del cadavere di un bambino morto sulla spiaggia turca che ci prende il cuore. Chissà perché siamo un po’ tutti come Tommaso e per credere alle cose dobbiamo metterci il naso e gli occhi. Quanti sono i bambini morti in mare, quanti sono i bambini uccisi in guerra? Eppure quella foto ci stringe l’anima. Anche perché quel bimbo noi l’avevamo già visto. Con quelle scarpette e quella maglietta era nostro figlio, nostro nipote, il bimbo sotto casa nostra che giocava al pallone e rideva alla vita. Eravamo anche noi a quell’età che amavamo Rivera e Pelè. Lui no, ci guardava ma era come se ci accusasse nel suo grembo storto di averlo ucciso. E di averlo lasciato solo mentre la sua campana suonava per tutti. E noi non la sentivamo. Speriamo che anche quella drammatica foto ci sproni. Intervenire a volte è anche amare.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento