domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

SCHIFEZZE SENZA FRONTIERE
Pubblicato il 07-09-2015


Brennero-protesta-coldiretti

«Siamo qui per fermare i traffici di un’Europa che chiude le frontiere ai profughi e le spalanca alle schifezze alimentari». Così il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, durante la mobilitazione dell’agricoltura italiana in difesa dell’autentico ‘Made in Italy’ che si sono svolte oggi a Bruxelles e contestualmente sul valico del Brennero. Sulla frontiera, anche simbolica, che divide l’Italia dall’Austria – e dall’Europa – il presidio proseguirà domattina. Prevista la partecipazione del ministro delle politiche agricole, Maurizio Martina. Pastorelli (Psi): «La tutela del ‘Made in Italy’ è una battaglia socialista».

IL DOPPIO APPUNTAMENTO – Stamane giovani agricoltori della Coldiretti si sono incontrati presso la Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unione europea a Bruxelles, in occasione del vertice straordinario dei ministri Ue del’Agricoltura, dedicato alla crisi del settore zootecnico e ortofrutta. Tre poliziotti sono rimasti feriti durante la manifestazione. Contestualmente migliaia di agricoltori e allevatori – provenienti da ogni Regione di Italia – hanno presidiato il valico di frontiera del Brennero, in direzione Italia a difesa dei prodotti nazionali dalle importazioni contraffatte, spacciate come italiane: tir, camion frigo, container e autobotti – con l’intervento della polizia – sono stati sottoposti a controlli per denunciare il finto ‘Made in Italy’ di prodotti alimentari che vanno dalla carne all’ortofrutta, passando per mozzarelle ‘fresche’ proveniente dalla Polonia. A esser presi di mira sono stati anche i surrogati che riducono la qualità, come le polveri di latte utilizzate – in sostituzione del latte, – per realizzare i formaggi. Secondo un’analisi della Coldiretti, nei primi cinque mesi del 2015, le importazioni di prodotti agroalimentari dall’estero sono aumentate in valore del 28%. Già lo scorso luglio la Confederazione Nazionale dei Coltivatori Diretti aveva organizzato una consistente manifestazione a Roma per difendere il settore lattiero-caseario italiano.

COLDIRETTI: MANCANO REGOLE CERTE – «Europa svegliati, su latte, formaggi e carne e derivati abbiamo bisogno di regole certe, di una politica trasparente dell’origine sull’etichetta». Questo l’appello del presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo che a Bruxelles ha guidato una delegazione di un centinaio di giovani agricoltori.  «Il prezzo al produttore è sceso del 20%, ci vogliono norme certe, un’etichetta d’origine per combattere le regole sleali» ha aggiunto Moncalvo.

PASTORELLI (PSI): TUTELA ‘MADE IN ITALY’ BATTAGLIA SOCIALISTA – Sulla manifestazione degli agricoltori è intervenuto il deputato Psi, Oreste Pastorelli, ricordando che la valorizzazione e la difesa del ‘Made in Italy’ «sono una battaglia che la componente socialista porta avanti in Parlamento dall’inizio della legislatura, attraverso proposte di legge e mozioni». Per l’esponente socialista «valorizzare l’immagine del ‘Made in Italy’ nel mondo – e salvaguardare i prodotti agricoli nazionali – significa non solo rilanciare l’economia del Paese e valorizzare i territori, ma anche favorire l’occupazione e tutelare la salute».

Silvia Sequi 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento