lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Carbone:
A proposito di lotta all’evasione
Pubblicato il 28-09-2015


A fronte della pressione fiscale che ha raggiunto il 43,3 % nel 2014, destinata a rimanere sullo stesso livello per l’anno in corso; Dalla fatica che la gente fa per mettere in tavola pranzo e cena ;

Ai salti mortali che la gente fa per arrivare a fine mese e pagare le bollette;

Se poi aggiungiamo l’angoscia ,di tante famiglie con bambini ed anziani, alle notizie, di questi giorni, che in aggiunta agli indecorosi ticket sanitari alcuni esami clinici e strumentali dovranno essere pagati;

Noi socialisti, da sempre, vicini alla gente,difensori di un equilibrato stato sociale , ci stiamo chiedendo : ma a questo punto come siamo messi con la lotta alla evasione fiscale ?

Ebbene, siamo andati a vedere un documento ufficiale proveniente dal Ministero dell’Economia, allegato alla nota di aggiornamento del DEF 2015.

Ci siamo ricordati che un D.L: dell’agosto 2011 e successive modifiche aveva previsto cha a fare tempo dal 2014 il DEF valutasse i risultati della lotta alla evasione fiscale per poi costituire un fondo per la riduzione della pressione fiscale da destinare alla riduzione delle imposte che gravano pesantemente sulle famiglie ed imprese.

L’apporto al fondo per l’anno 2015 è stata valutato in, appena, 331,5 milioni di euro .

Qualche altro dato ci sta facendo riflettere con l’impressione che la dichiarata lotta alla evasione fiscale è miseramente fallita.

Alle fine del processo amministrativo l’incasso complessivo è stato di 14,2 miliardi di euro afferenti tributi erariali e locali , di cui 8,1 miliardi provenienti da accertamenti sostanziali (sono quei controlli che hanno alla base una attività istruttoria fatta a tavolino , ad una verifica esterna o ad altri atti provenienti dall’anagrafe tributaria o dalla Guardia di Finanza , ecc.) e da controlli formali .

La differenza di 6,1 miliardi proviene dalla liquidazione delle dichiarazioni dei redditi ed IVA, quindi con imponibili dichiarati dai contribuenti.

Premesso che facciamo un grande fatica ad accettare che gli incassi da liquidazione delle dichiarazioni provengono dalla lotta alla evasione fiscale e se confrontiamo l’evasione stimata in circa 150 miliardi di euro con gli incassi , sommessamente, ci sembra che il 5,6 % di recupero, attraverso controlli sostanziali, di quanto evaso, non è esaltante e la cosa in Europa non sfugge.

Alla politica degli annunci devono seguire i fatti e fino a prova contraria la lotta all’evasione con le sciabole di cartone ai socialisti non va bene !

28 settembre 2015

Mario Cardone

Federazione di Modena

 

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Lo dico sempre: è la battaglia delle battaglie, l’evasione è tra le più gravi ingiustizie e ruberie. Ma solo a sinistra (quel che ne rimane) se ne parla; non certo nel Pd. E il Psi che ne pensa? Perché Renzi non la combatte affatto. Saluti socialisti!

Lascia un commento