giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

‘Terra di Siena Film Fest’.
Tra tradizione
e innovazione
Pubblicato il 24-09-2015


siena cinema festivalIl cinema italiano, con opere prime in anteprima e numerosi ospiti, sarà il protagonista della 19esima edizione del ‘Terra di Siena International Film Festival‘, in programma nell’omonima città dal 29 settembre al 4 ottobre, sotto la direzione artistica di Antonio Flamini. La giuria della kermesse cinematografica sarà presieduta dai fratelli Avati, Pupi e Antonio, rispettivamente regista e produttore. Tra le novità previste la proiezione, in anteprima, di “Io e lei”, film diretto da Maria Sole Tognazzi, e un omaggio al compositore Manuel De Sica.

L’EDIZIONE 2015: TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE – Un’edizione in equilibrio tra tradizione e innovazione come spiega all’Avanti! Antonio Flamini, già collaboratore dal 2013, e oggi direttore artistico della kermesse cinematografica. «Il ‘Terra di Siena International Film Festival’ ha una lunga e gloriosa storia, questa è la 19esima edizione – racconta Flamini – Io ho voluto dare una fisionomia nuova alla manifestazione, concedendo più spazio alle opere prime di giovani italiani che si stanno affacciando al mondo del cinema».

IL PREMIO ‘MANUEL DE SICA’ – L’altra novità, prevista in questa edizione, è il premio ‘Manuel De Sica’, intitolato al celebre compositore e musicista, scomparso improvvisamente lo scorso dicembre. Il premio – consegnato dalla moglie e dal figlio di De Sica – sarà attribuito Lino Patruno, anche lui musicista, compositore, attore e polistrumentista. «Questo Premio è dedicato ai musicisti del cinema. De Sica era stato direttore del Festival dal 2012 al 2014, nonché amico della kermesse» ricorda Flamini. Durante la serata conclusiva del Festival, domenica 4 ottobre, sarà proiettata la versione restaurata del capolavoro imperituro “Il Giardino dei Finzi Contini” di Vittorio De Sica – vincitore del Premio Oscar nel 1972 come miglior film straniero, e candidato al prestigioso premio per la miglior colonna sonora, scritta proprio dal Manuel De Sica. (cui venne preferita quella de ‘Il Padrino’, ndr). Fabio Testi, uno dei protagonisti della pellicola (tratta dal romanzo di Giorgio Bassani, ndr) riceverà il Premio alla Carriera.

LA PROIEZIONE DI ‘IO E LEI’ – Mercoledì 30 è prevista invece la proiezione, in anteprima, – e fuori concorso – di ‘Io e lei’, ultima opera di Maria Sole Tognazzi che ha messo insieme, in tutti i sensi – e per la prima volta – Sabrina Ferilli e Margherita Buy. La pellicola – scritta con Ivan Cotroneo e Francesca Marciano – racconta della quotidianità di due donne adulte, protagoniste di una commedia sentimentale ambientata nella Roma di oggi, attraversata dalle difficoltà che riserva la vita, soprattutto a due donne che decidono di amarsi e di relazionarsi.

I CORTOMETRAGGI IN CONCORSO – Oltre a dieci pellicole e documentari, a essere in concorso al Festival saranno anche i cortometraggi. Tra questi ‘Vegan Love. Ovvero la difficoltà di essere vegani  al 100%’ – del talentuoso regista Giorgio Amato – che tratta il tema del veganismo «in chiave ironica e grottesca, raccontando le difficoltà di una ragazza vegana a vivere in una società nella quale il tema del veganesimo è ancora tabù» spiega il regista stesso.

LA SEZIONE INTERNAZIONALE – Per quanto concerne la vetrina internazionale, due le sezioni: ‘Panorama Europa’ e ‘Uno sguardo sul mondo’. I protagonisti dei film stranieri sono Michael Fassbender, Monica Bellucci, Christoph Waltz, Matt Damon, Tilda Swinton, Elijah Wood e molti altri.  A inaugurare il Festival, il 29 settembre, sarà “Corn Island” di George Ovashvili, candidato al Premio Oscar come miglior film straniero, che parteciperà alla kermesse assieme alla protagonista, l’attrice Mariam Buturishvili.

IL FESTIVAL – Fondato da Maria Pia Corbelli nel 1996, il ‘Terra di Siena International Film Festival’ – da sempre incentrato sul cinema indipendente – negli ultimi anni ha scelto di privilegiare tematiche sociali, politiche e universali come l’infanzia violata, la difesa dell’ambiente, i diritti umani e la pace.  Abbracciando questi importanti valori, dal 2014, la kermesse ha creato il ‘Green Carpet‘, a testimoniare l’attenzione che il Festival intende riservare alle questioni legate all’ambiente e all’eco-sostenibilità.

Silvia Sequi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento