giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Berlusconi rivela Craxi
Pubblicato il 11-10-2015


Appare su Affari italiani un’intervista a Berlusconi sui suoi rapporti con Bettino Craxi, ad opera del suo biografo Alan Freedman ripreso dalla rubrica My Way. Ne esce un Craxi inedito, in disagiate condizioni economiche e non certo con le risorse che in tanti gli hanno attribuito. Berlusconi, amico di Craxi, precisa: “Quanto a Craxi, accusato di aver ricavato un sacco di soldi nella sua carriera politica, stiamo parlando di un uomo che quando è morto ha lasciato la moglie e la famiglia in una condizione di assoluta povertà. La moglie doveva ancora pagare le rate del mutuo della casa di Hammamet e dell’appartamento di Milano. E, credetemi, io lo so bene perchè…”

Berlusconi sottolinea il carattere esclusivamente politico del finanziamento irregolare, ma aggiunge che quando egli, all’inizio dell’avventura politica di Craxi nelle vesti di segretario del Psi, gli propose di aiutarlo, Craxi gli ribatté: “Se sei mio amico non propormelo più”. Resta quel “perché” che Berlusconi poteva risparmiarsi. Perché, aggiunge, o fa capire, sarebbe stato proprio lui a risolverli quei problemi di famiglia. Quando si è gentiluomini si aiuta in silenzio e senza rivelarlo. Ma Berlusconi è fatto così. Generoso con gli altri, ma più generoso ancora con se stesso.

Dopo tanti anni, mentre giustamente si celebra il trentesimo anniversario di Sigonella, l’atto di indipendenza e di dignità nazionale più alto compiuto dall’Italia nel dopoguerra, e oggi gli stessi americani paiono dare a quel gesto un valore positivo, mentre ormai tutti gli atti politici del Psi di Craxi vengono letti con interesse, valutandoli, nella stragrande maggioranza, addirittura anticipatori (dalla grande riforma, alla posizione sul caso Moro, al decreto di San Valentino sulla scala mobile, alla posizione sul conflitto nel Golfo, a Sigonella, appunto) anche la figura del Craxi uomo viene rivalutata e dipinta in una luce perfino sorprendente.

Si è ormai giunti, dopo la fine di Di Pietro e l’analisi sul carattere prevalentemente politico di Mani pulite, al riconoscimento della lotta al Cinghialone come manovra per colpire un uomo e un partito autonomi che avevano generato, nella lotta politica, molti, forse troppi nemici: l’Urss per i missili a Comiso, gli Usa per Sigonella e i bombardamenti in Libia (Craxi negò nel 1986 le basi italiane agli americani), Israele per l’amicizia con Arafat, la Dc demitiana per lo scontro sulla presidenza del Consiglio, il Pci per la sfida a sinistra, Scalfari e De Benedetti per l’amicizia con Berlusconi, la Cgil per la scala mobile, e soprattutto i magistrati per il referendum sulla giustizia.

Far fuori Craxi era interesse di tanti, di troppi. Perfino nel film televisivo sul 1992 emerge questa ossessione del Pool, e sopratutto di Di Pietro, nel muoversi in una direzione sola. Oggi possiamo parlare con serenità dei meriti e anche degli errori di Craxi. Il fondamentale errore fu quello di non aver compreso le inevitabili conseguenze della svolta del 1989 sul sistema politico italiano, che alcuni di noi invece bene compresero, magari senza intuire fino a che punto si sarebbero spinte. Tuttavia questo affresco sulla moralità di Bettino, davvero inedito, e sia pur condito col solito mito berlusconiano di se stesso come salvatore, è davvero curioso. Merita di essere ripreso e diffuso.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Non ho mai condiviso i “craxiani” però Craxi come uomo politico l’ho sempre apprezzato e l’ho sempre considerato uno statista Socialdemocratico che ha fatto gli interessi dell’Italia e del PSI. Continuare a parlare di Craxi da parte dei craxiani, che nelle disgrazie si sono sciolti come neve al sole, anziché esaltarne la persona e la personalità lo danneggiano e danneggiano il PSI. Fate parlare l’opinione pubblica che è “giusta” e portiamo fuori il PSI dall’abbraccio di renzi e dei catto-fascio-comunisti cioè del pd.

  2. Craxi fu grande statista. Meno grande da segretario del PSI, partito che sotto la sua segreteria mutò pelle.
    Ricorderò sempre la pessima impressione che ebbi quando partecipai, a Parma, credo nel 1982, ad una splendida conferenza sulla modernizzazione delle infrastrutture in Italia.
    Normalmente, in queste occasioni, i compagni seguivano attentamente i lavori.
    Dalla tribuna venivano presentate soluzioni di grande rilievo per il futuro; in sala 30-35 persone ed il grosso dei “partecipanti” fuori a chiacchiera o a telefonare (da poco erano apparsi sul mercato quegli apparecchi che diventeranno poi gli attuali cellulari).

  3. Mai avuto dubbi sulla onestà personale di Bettino Craxi e sul carattere eminentemente politico del processo che quattro burocrati in cerca di notorietà (Borrelli, D’Ambrosio e qualche altro sgherro) gli hanno imbastito con il supporto del partito comunista, del giornale Repubblica e del gruppo dei democristiani di Avellino.
    Ora appaiono ancora più disgustose le scelte che, a suo tempo, furono fatte dai vari Brunetta, Sacconi, Amato e altri professionisti della politica che non solo hanno voltato le spalle all’uomo Craxi ma hanno insudiciato una storia, quella socialista, che non hanno mai meritato di condividere.

Lascia un commento