venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Cannabis legale, alla Camera primo passo della legge
Pubblicato il 01-10-2015


Cannabis-liberaPrimo obiettivo centrato per l’Intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis: la capigruppo di Montecitorio ha deciso la calendarizzazione della proposta di legge, sottoscritta da 220 deputati, che verrà esaminata nel prossimo trimestre. “Finalmente cade un tabù, – ha commentato Pia Locatelli – ora il Parlamento potrà finalmente discutere della legalizzazione della cannabis, che non vuol dire liberalizzare l’uso di droghe leggere, ma toglierle dalle mani della criminalità.


Primo obiettivo centrato per l’Intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis: la capigruppo di Montecitorio ha deciso la calendarizzazione della proposta di legge, sottoscritta da 220 deputati, che verrà esaminata nel prossimo trimestre.

Un risultato, quello dell’avvio ufficiale dell’iter parlamentare, raggiunto in tempi relativamente brevi: l’Integruppo, infatti, al quale hanno aderito 79 parlamentari, tra cui la deputata socialista Pia Locatelli, è stato creato a marzo con l’obiettivo di mettere a punto un testo condiviso su cui lavorare da sottoporre all’esame del Parlamento. Grazie al lavoro di coordinamento di Benedetto Della Vedova la proposta di legge è stata depositata già a luglio e oggi, grazie alla richiesta del capogruppo di Sel Arturo Scotto, ne è stata decisa la calendarizzazione.

cannabis1

“Finalmente cade un tabù, – ha commentato Pia Locatelli – ora il Parlamento potrà finalmente discutere della legalizzazione della cannabis, che non vuol dire liberalizzare l’uso di droghe leggere, ma togliere dalle mani della malavita organizzata il traffico e consentire il controllo del fenomeno del consumo di cannabis senza per questo incentivarlo”.

“Il primo passo è compiuto” ha commentato Benedetto Della Vedova, consapevole del fatto che l’iter sarà tutt’altro che facile, “faremo in modo, – ha aggiunto Scotto – che questo lavoro non si concluda con un nulla di fatto ma, anzi, che la proposta di legge possa essere approvata in questa legislatura”.

La notizia della calendarizzazione della proposta di legge, sottoscritta da 220 deputati, va di pari passo con quanto sta avvenendo in Lombardia, dove su iniziativa dell’ Associazione Luca Coscioni è stata depositata la proposta di legge regionale popolare “Disposizioni in materia di farmaci cannabinoidi. Modifiche alla legge regionale 30 dicembre 2009, n.33” . Su questa proposta di legge regionale è già stata avviata una raccolta delle firme, che ha visto l’adesione dei socialisti di Brescia, e che richiede la mobilitazione di tutti i socialisti lombardi.

Cecilia Sanmarco

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento