sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Contromano, alcol e coca nel sangue: 1 morto e 7 feriti
Pubblicato il 12-10-2015


Contromano A7-NenciniL’ultimo, terribile incidente stradale, non è dovuto come tanti altri né al caso né a un guasto tecnico, ma solo alla incoscienza dell’autista, ubriaco o drogato, oppure tutte e due le cose assieme. È appunto il caso dell’incidente in cui è morta la notte scorsa una donna ecuadoriana di 34 anni e altre 7 persone sono rimaste ferite in modo molto grave tra cui 3 bambini tra i 4 e i 2 anni. L’incidente, uno scontro frontale tra due furgoni, è avvenuto al casello di Genova Ovest, all’imbocco dell’A7. All’origine dello scontro, un Fiat Ducato, il cui autista è rimasto ferito in modo lieve, che ha imboccato contromano l’A7 e che è risultato positivo a alcol e cocaina. William Basquez Melo, 28 anni, così si chiama il responsabile dell’incidente, arrestato, è indagato per omicidio colposo e lesioni plurime. Quanto avvenuto potrebbe rafforzare il percorso del Disegno di legge sull’‘omicidio stradale’ che – come ha ricordato stamane Riccardo Nencini, viceministro ai Trasporti, “va in aula alla Camera il 21 ottobre e questa è una novità. Chiusa alla Camera tornerà al Senato ed entro la fine dell’anno avremo la norma nuova che parla di omicidio stradale anche in Italia”.

Vittime_della_strada

Il ddl prevede due nuovi reati, l’omicidio stradale e le lesioni stradali. Ritiro della patente fino a 30 anni, arresto in flagranza di reato, pene più severe per chi fugge con un piccolo innalzamento del massimo della pena per l’omicidio stradale (a 12 anni contro i 10 attuali) con, però, un netto aumento del minimo (7 anni in caso alcol, 8 in caso di droga).

Nencini, segretario del PSI, parlando coi giornalisti, a margine di un’iniziativa sulla sicurezza stradale a palazzo Bastoni a Firenze, ha aggiunto che quella odierna è “una delle iniziative di fine anno” in materia e che “la prossima settimana” verrà presentato “al ministero della Pubblica Istruzione il piano di formazione delle scuole, che riguarda la buona guida, omicidio stradale e dintorni e intanto Firenze dà l’occasione per una prima nazionale importante”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento