domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dieselgate. In Italia quasi 710 mila i veicoli coinvolti
Pubblicato il 29-10-2015


Volkswagen-truffa-emissioni-inquinanti«709.712 i veicoli coinvolti in Italia» – suddivisi tra i marchi VW, Audi, Seat e Skoda – nel cosiddetto dieselgate. I richiami avranno inizio a partire da gennaio 2016. Ad affermarlo è ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture (Mit), Graziano Delrio in audizione alla Camera che ha parlato di «evidente truffa senza precedenti, ai danni dei consumatori», aggiungendo che c’è stato un «grave vulnus all’immagine dell’industria europea».

DELRIO: DIFFICILE VALUTARE EFFETTI INDOTTO ITALIA – Per il ministro «è molto difficile valutare l’impatto sull’indotto» nel nostro Paese per la crisi della Volkswagen, considerato che non è possibile prevedere se il settore sarà in grado di avere «una capacità di adattamento così alta da intercettare le commesse di altre case automobilistiche». Inoltre, «il valore delle commesse – in Italia – del gruppo VW – ha riferito Delrio – è di 1,5 miliardi ed è molto difficile quantificare l’impatto delle mancate vendite, ammesso che ci saranno, sul mercato italiano». Il responsabile del Mit ha poi reso noto di aver ricevuto, pochi giorni fa, – dall’omologo tedesco un piano d’azione  Ho ricevuto pochi giorni fa dal ministro dei Trasporti tedesco un piano per il ritiro delle automobili coinvolte» Per i veicoli fino a 2.0 litri «una soluzione per la correzione delle deficienze andrà fatta entro il 21 ottobre; per i veicoli 1,6 entro il 156 novembre; per quelli 1,2 entro il 31 novembre». Si tratta, dunque, di «un piano molto stringente».

Redazione Avanti!

 

 

 

 

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento