martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gli ossimori di Occhetto
Pubblicato il 26-10-2015


Achille Occhetto narra oggi, dalle colonne de L’Unità, una favoletta a cui, c’è da scommetterci, molti crederanno: in tempi non sospetti, molto prima del 1989, Berlinguer avrebbe avuto in mente di cambiare nome al Pci e avrebbe chiesto un suggerimento all’allora giovane Akel il quale gli avrebbe proposto la dizione “comunisti democratici”.

Occorre farsene una ragione e mettersi l’anima in pace: prosegue il processo di canonizzazione del terz’ultimo segretario generale del partito Comunista Italiano.

Periodicamente (ri)emergono personalità del Pci che aggiungono nuove puntate all’agiografia di un esponente della Prima repubblica che seguita ad essere immeritatamente elevato agli onori della fantastoria.

Prossimamente ci potrà capitare di leggere da qualche parte che, a seguito dell’apparizione in sogno di San Nicola di Bari, patrono di Sassari, Berlinguer avrebbe avuto l’intenzione di recarsi in pellegrinaggio a Medjugorie per chiedere perdono per avere guidato un partito di atei promettendo la conversione di tutti gli iscritti al Pci.

Non lo avrebbe fatto perché temeva un ulteriore strappo con il Pcus che avrebbe potuto tagliare i fondi con cui manteneva (illegalmemte) l’elefantiaca struttura del Pci.

Sempre secondo il liquidatore del Pci e fondatore del Pds (già, ma a babbo morto: in altre parole, dopo la fragorosa caduta del Muro e delle cosiddette ‘democrazie popolari’) Berlinguer avrebbe risposto “che era troppo, perché sembrava che non fossimo già democratici, e poco, perché restava il nome comunisti. Ma non si andò oltre il ragionamento” (sic!).

Del termine comunisti democratici se ne appropriò successivamente il compianto Pietro Ingrao che così battezzò la corrente di opposizione al neonato Pds.

A parte l’affermazione di Occhetto secondo cui Berlinguer sarebbe stato più innovatore di Craxi, su cui val la pena di sorvolare tanto è grossolanamente infondata, c’è un ultimo punto dell’intervista di Occhetto che lascia, per così dire interdetti, laddove sostiene che il Partito della nazione (che è di là da venire) è un ossimoro. Può essere. ma la dizione “comunisti democratici” se ossimoro non è, come la si potrebbe definire?

Emanuele Pecheux

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Giorni fa, tornato nella mia Napoli per una ( purtroppo breve ) visita, mi ha sorpreso scoprire, nei pressi di via Toledo, un cartello con la scritta ” largo Enrico Berlinguer ” e la dicitura “statista”… Questa è l’Italia. Un Paese, come disse Ojetti a Montanelli, senza antenati nè posteri perchè senza memoria. E senza memoria, falsificare la Storia diventa facile.
    Saluti, Mosca.

Lascia un commento