giovedì, 23 novembre 2017
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il salto della Quaglia… riello
Pubblicato il 16-10-2015


Vabbè, tutti lo hanno sempre ricordato come militante e dirigente radicale. Poi la conversione, non solo a Dio, ma anche a Berlusconi, il suo desolante j’accuse sul caso Englaro che ha giustamente irritato papà Beppino, il suo distacco da Berlusconi per abbracciare Alfano e adesso il suo annunciato distacco da Alfano per riabbracciare Berlusconi. Lo stile è delicato, l’elogio forbito, il modo di ragionare meditato e suadente. Mica è come il senatore D’Anna che si agita e si scamicia in Senato. Altro modo di fare politica. Da intellettuale. Però adesso che si è dimesso da coordinatore del Nuovo centrodestra, alias Area popolare, si aspettano anche le sue dimissioni dal partito. Per un nuovo salto, stavolta all’indietro. Un salto della Quaglia…riello

Angela Merkel bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Inps ISTAT italia italicum lavoro Lega legge elettorale M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli Paolo Gentiloni pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato Silvio Berlusconi Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento