giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Cina abolisce la politica del figlio unico
Pubblicato il 29-10-2015


Cina abolisce figlio unicoSi chiude l’incubo degli aborti selettivi per la Cina, il comitato centrale del Partito Comunista Cinese ha deciso di abolire la legge del figlio unico, in vigore dal 1979 per fermare la crescita demografica del Paese. Ora tutte le coppie potranno avere due figli, a riportarlo è l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua che ha riferito della riunione del “quinto plenum” del CC del Partito Comunista.

La Legge in realtà era stata messa in discussione più volte, visti gli squilibri che aveva causato all’interno del Paese, sia in termini sociali che economici. Già nel 1979 c’erano state delle eccezioni, infatti la limitazione non riguardava le minoranze, ma con l’invecchiamento della popolazione e un’economia dipendente dall’export ridare vitalità ai consumi interni è diventato ormai necessario anche per il regime comunista. Nel 2013 era stato concesso alla coppie di avere due figli se uno dei due genitori non aveva fratelli.
La decisione del Partito Comunista, oltre che rilevanza economica e sociale, ha un grande valore simbolico.

Hkg4017968

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento