sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La società incivile….
Pubblicato il 28-10-2015


Si pensava che solo i politici approfittassero del loro potere. Dunque da Tangentopoli in poi si sono trasferite competenze ai tecnici, ai burocrati, ai dirigenti, ai funzionari. Per più di vent’anni la politica è stata soppiantata. Nelle USL poi Ausl, sono stati cacciati i partiti e sono entrati i dirigenti nominati dalle regioni, nelle aziende partecipate si sono generalmente orientate le nomine su personaggi al di fuori del raggio dei partiti, o almeno così si è vaticinato, addirittura gli assessori comunali, provinciali e regionali, sono stati nominati dal sindaco come suoi delegati e non dai Consigli, mentre anche negli enti di Stato e addirittura al governo sono stati nominati personaggi che venivano, si è detto, dalla cosiddetta società civile.

Mai era accaduto prima di questo assurdo ventennio che un un Ministro o un Sottosegretario non fosse anche parlamentare. Addirittura adesso abbiamo un Primo Ministro non parlamentare. E che dire di un Presidente della Camera che non aveva mai fatto il deputato e di un Presidente del Senato che non aveva mai fatto il Senatore. Per anni si è praticata la via dell’inesperienza come quella più idonea per raggiungere incarichi politici e contemporaneamente si è contrapposta a una società politica corrotta una società civile immune da contaminazioni. E dunque, parliamo dei cosiddetti tecnici, meritevole di prenderle il posto. Dedico questo articolo a coloro che hanno creduto a questa immonda sciocchezza e oggi si stupiscono dell’esistenza degli Odevaine e delle Accroglianò. Dei piaceri richiesti e ottenuti di Silvana Saguto, il giudice dell’Antimafia. E potremmo continuare.

C’è sempre stata una differenza, però. Mentre i politici dovevano essere eletti, costoro invece no. Era così. Almeno tempo fa…

Samuele

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento