domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche
Pubblicato il 27-10-2015


Mercato unico europeo delle comunicazioni elettroniche
Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia
PE567.840

Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 27 ottobre 2015 relativa alla posizione del Consiglio in prima lettura in vista dell’adozione del regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che stabilisce misure riguardanti l’accesso a un’internet aperta e che modifica la direttiva 2002/22/CE relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica e il regolamento (UE) n. 531/2012 relativo al roaming sulle reti pubbliche di comunicazioni mobili all’interno dell’Unione (10788/2/2015 – C8-0294/2015 – 2013/0309(COD))

(Procedura legislativa ordinaria: seconda lettura)

Il Parlamento europeo,

–        vista la posizione del Consiglio in prima lettura (10788/2/2015 – C8-0294/2015),

–        visti i pareri motivati inviati dal Parlamento irlandese, dal Parlamento maltese, dal Consiglio federale austriaco e dal Parlamento svedese, nel quadro del protocollo n. 2 sull’applicazione dei principi di sussidiarietà e di proporzionalità, in cui si dichiara la mancata conformità del progetto di atto legislativo al principio di sussidiarietà,

–        visto il parere del Comitato economico e sociale europeo del 21 gennaio 2014[1],

–        visto il parere del Comitato delle regioni del 31 gennaio 2014[2],

–        vista la sua posizione in prima lettura[3] sulla proposta della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio (COM(2013)0627),

–        visto l’articolo 294, paragrafo 7, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea,

–        visto l’articolo 76 del suo regolamento,

–        vista la raccomandazione per la seconda lettura della commissione per l’industria, la ricerca e l’energia (A8-0300/2015),

1.       approva la posizione del Consiglio in prima lettura;

2.       constata che l’atto è adottato in conformità della posizione del Consiglio;

3.       incarica il suo Presidente di firmare l’atto, congiuntamente al Presidente del Consiglio, a norma dell’articolo 297, paragrafo 1, del trattato sul funzionamento dell’Unione europea;

4.       incarica il suo Segretario generale di firmare l’atto, previa verifica che tutte le procedure siano state debitamente espletate, e di procedere, d’intesa con il Segretario generale del Consiglio, a pubblicarlo nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea;

5.       incarica il suo Presidente di trasmettere la posizione del Parlamento al Consiglio e alla Commissione nonché ai parlamenti nazionali.

[1]        GU C 177 dell’11.6.2014, pag. 64.
[2]        GU C 126 del 26.4.2014, pag. 53.
[3]        Testi approvati del 3.4.2014, P7_TA(2014)0281.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento