sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Notizie in breve
Pubblicato il 14-10-2015


Riforma costituzionale, i socialisti promuovano subito i comitati del NO

“La riforma costituzionale votata ieri dal Senato deve avere una risposta immediata. I socialisti propongono di costituire subito i comitati del NO in vista del referendum che si terrà il prossimo anno.
Inutile aspettare la seconda lettura di Camera e Senato. Il parlamento dei nominati, sul quale pende un giudizio pesante della Corte costituzionale, per tutelare la propria residua sopravvivenza, non farà altro che ratificare il voto di ieri.
Di fronte ad un sistema politico che tende ad organizzarsi intorno ad un uomo solo, ad un partito solo, che utilizza il premio di maggioranza di una legge incostituzionale per occupare ogni spazio di potere e che da solo modifica la Costituzione repubblicana, bisogna organizzarsi e dire NO.
Di fronte ad una riforma giudicata un pericoloso ibrido polit ico e democratico dai molti autorevoli costituzionalisti italiani e internazionali,  un pasticcio legislativo approvato con l’unico obiettivo di rottamare le istituzioni e ridurre il potere decisionale e di controllo dei cittadini elettori, occorre dire NO.
I socialisti, anche nel nome della propria tradizione democratica, non accettano che la Costituzione venga modificata con una maggioranza parlamentare che non  rappresenta la maggioranza degli italiani, intendono reagire allo snaturamento democratico e morale della nostra Costituzione chiamando tutti e subito ad una battaglia di libertà.
Proponiamo quindi che si costituiscano in ogni comune i comitati del NO per illustrare le ragioni di un’opposizione ad una riforma illiberale, pericolosa e palesemente illegittima.”
Dichiarazione di Bobo Craxi, Franco Bar tolomei, Roberto Biscardini, Pieraldo Ciucchi, Aldo Potenza e Angelo Sollazzo della direzione Nazionale del PSI.

Nota dell’Ufficio Stampa del Psi
In merito a un comunicato pubblicato da alcuni organi di stampa, titolato “Riforme: i socialisti promuovono comitati per il no” si precisa che tale comunicato non è stato diramato dall’Ufficio Stampa del partito e che si tratta ‘non del Psi ma di una iniziativa promossa da esponenti di un’ esigua minoranza del partito. Il Psi non aderisce ad alcun comitato del no”.

Rieti: Pastorelli, grave aggressione autista bus, serve più vigilanza
“L’aggressione perpetrata ai danni dell’autista delle autolinee Cotral è un fatto gravissimo, non degno di una città civile come Rieti. Non è possibile che l’incolumità di un lavoratore, nel pieno svolgimento della sua professione, venga messa  in pericolo in questo modo. Sui veicoli servono sistemi più efficaci,  che possano tutelare al meglio viaggiatori e dipendenti dei mezzi pubblici. All’autista ferito va tutta la mia solidarietà”. Lo afferma
in una nota Oreste Pastorelli, deputato reatino del Psi.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. La esigua minoranza di sei membri della Direzione Nazionale del PSI ha abusato del diritto di rappresentanza politica propriamente attribuibile alla Segreteria del Partito.La loro dichiarazione pubblicata nella categoria NOTIZIE IN BREVE non è stata a buon motivo avallata da RICCARDO NENCINI.Quel tentativo dei titolari delle mozioni minoritarie del Congresso di sostituirsi all’Ufficio stampa del PSI è fuorviante e dannoso per la necessaria compattezza politica dei socialisti .Manfredi Villani.

Lascia un commento