domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nuova o usata, ‘tira’ l’auto,
nonostante il dieselgate
Pubblicato il 09-10-2015


Mercato auto-ripresaUn mese davvero speciale per il mercato delle auto dove le notizie sono sempre da prima pagina. In testa il dieselgate, lo scandalo delle centraline truccate nelle auto della prestigiosa fabbrica tedesca Volkswagen, per aggirare i limiti imposti dalle normative americane ed europee. Uno sconquasso che può portare la casa automobilista di Wolfsburg al tracollo sia per le multe – fino a 18 miliardi quelle americane – sia per le cause che stanno intentando diverse associazioni di consumatori e sia, naturalmente, per il terribile effetto negativo sul prestigio commerciale della fabbrica di auto. Un conto ‘salato’, che già oggi viene valutato in almeno tra i 60 e i 100 miliardi di euro e che può avere ripercussioni ben al di là degli interessi diretti della Volkswagen nel mercato dell’auto.

Ma non ci sono solo notizie inquietanti, ce ne sono anche di buone. ‘Tira’ alla grande il mercato delle auto nuove e di quelle usate. Dopo anni di mercato nero, nerissimo, secondo i dati Istat, ad agosto, la produzione industriale di autoveicoli in Italia (ma non solo) è infatti aumentata del 48,8% rispetto allo stesso mese del 2014. Nei primi otto mesi dell’anno l’incremento è stato del 44,5%.

E non va bene solo il mercato dell’auto nuova, va bene anche quello dell’acquisto di auto usate. Nella prima metà dell’anno la crescita è stata del 6,4 %, stiamo parlando di qualcosa come un milione e seicentomila passaggi di proprietà con picchi del 14,6% per gli autosaloni.

Una media che ha retto bene anche a settembre con i passaggi di proprietà – scrive il bollettino mensile dell’Automobile Club d’Italia, vedi sito www.aci.it – cresciuti del 5,7% rispetto al settembre del 2014. Per ogni 100 autovetture nuove ne sono state vendute 184 usate a settembre e 165 di media nei primi nove mesi dell’anno.

Cresce anche il numero delle auto che vengono mandate agli ‘sfasci’, quelle radiate dal PRA, con un + 7,4%. Il tasso unitario di sostituzione nel mese di settembre è stato pari a 0,91 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 91) e a 0,83 nei primi nove mesi del 2015. Nel periodo gennaio-settembre 2015 le radiazioni di autovetture sono aumentate in totale del 5% .

Per tornare alla notizia iniziale, il dieselgate ha provocato una discesa delle quotazioni delle auto usate marcate Volkswagen. I dati riportati dai siti specializzati, evidenziano un ribasso di prezzo considerevole, ovviamente sui modelli nel mirino delle indagini antinquinamento, cioè quelli equipaggiati con il propulsore diesel 2.0 litri TDI euro5 EA189. I tagli dei prezzi variano da città a città e da modello a modello con picchi del 25%.

Insomma, anche se non si vuole acquistare un’auto nuova, si può fare un buon affare con l’acquisto di un’auto usata in contanti o a rate.

Lorenzo Mattei

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento