sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Perchè l’Isis potrebbe ridere
Pubblicato il 09-10-2015


Putin è partito per primo a bombardare terroristi e dissidenti armati al regime di Assad. Obama già aveva mandato i suoi droni contro l’Isis, ma anche i suoi soldi e le sue armi per combattere Assad. Adesso è partita una più massiccia offensiva dal cielo. La Russia ha bombardato anche un campo di guerriglieri che avevano l’appoggio degli Usa e quest’ultimo paese continua a proclamare l’obbiettivo di abbattere oltre all’Isis anche Assad, difeso dalla Russia. Nel contempo pare che qualche bomba sia stata lanciata dagli aerei russi oltre il confine siriano in quello iraniano e che l’offensiva si possa spingere anche in Turchia, paese Nato rispetto al quale Obama e il suo governo hanno rafforzato sistemi difensivi. Pensate voi se in Siria Usa e Russia si scontrassero tra loro con i terroristi che li guardano e si sbellicano dalle risa…

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento