giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Profughi. Ue a Berlino: “Non limitate gli ingressi”
Pubblicato il 01-10-2015


Migranti-GermaniaArriva la prima bacchettata europea alla Germania, il primo vicepresidente della Commissione Ue, Frans Timmermans, replica alle richieste tedesche di un limite agli ingressi, sostenendo: “L’Europa non è in grado di accogliere tutti. Detto questo, non è possibile pensare a tetti per i richiedenti asilo: sarebbe una violazione del diritto internazionale”.

Timmermans replica duro alle richieste tedesche, dopo che la Germania ha chiesto di porre un limite agli ingressi da parte dei rifugiati: “Un limite all’accoglienza”. Il presidente tedesco Joachim Gauck è intervenuto sulla gestione della crisi dei rifugiati: “Vogliamo aiutare, abbiamo un grande cuore. Tuttavia c’è un limite a quel che possiamo fare… La nostra abilità di accogliere persone non è infinita, sebbene non sappiamo ancora quali siano i nostri limiti”.

Oggi infatti al Parlamento tedesco si discute anche l’inasprimento delle norme in materia di diritto d’asilo, una norma che sta facendo discutere l’opinione pubblica, la stessa che ha provocato un improvviso innalzamento dell’indice di popolarità per la Cancelliera Angela Merkel sull’accoglienza dei migranti.

Il primo vicepresidente della Commissione Ue è stato tra i primi a rendersi conto del problema dei profughi, in un’intervista ha infatti dichiarato: “Credo si sia finto che nulla stesse accadendo sperando che la situazione si risolvesse o che altri se ne facessero carico. Lo svantaggio degli accordi di Dublino è che puoi lasciare che i Paesi risolvano da soli il loro problema. Si è agito così a lungo. Il che ha portato a un’enorme frustrazione in Paesi come l’Italia e la Grecia. Per anni l’Italia ha detto: ‘la situazione sta diventando insostenibile. Guardate cosa accade a Lampedusa. Occorrono altre soluzioni’. E gli altri rispondevano ‘sì, sì, arrangiatevi’”.

Timmermans inoltre è intervenuto anche su un altro “tema”, per quanto riguarda i diritti umani, quello dell’antisemitismo: “L’antisemitismo è in ascesa. Abbiamo un problema serio in Europa” e dobbiamo “combatterlo”, Frans Timmermans si è sempre dichiarato cattolico però ha precisato: “Non voglio vivere in un’Europa senza una forte e vibrante comunità ebraica”.

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento