domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un primo giudizio
Pubblicato il 15-10-2015


Ora c’è la certezza. Nella legge di stabilità sono state accolte almeno quattro proposte socialiste: un miliardo prelevato dal gioco d’azzardo, l’abolizione dell’Irap agricola, allentamento del patto di stabilità per i Comuni, fondi per la casa e per l’edilizia residenziale pubblica.
La lotta al gioco d’azzardo risale ai primi anni Duemila e nasce nella Fgs. L’abbiamo trasformata in proposta operativa prima con il governo Letta poi con il governo Renzi.
La battaglia per abolire l’Irap agricola ci ha visti in prima fila fino dal 2013. In prima fila e da soli. Una battaglia giusta finalmente condivisa.
Quanto al patto di stabilità che spesso strozza i comuni limitandone gli investimenti, le prime iniziative risalgono a oltre un decennio fa. Intanto si comincia con le scuole e con le piccole opere infrastrutturali.
I fondi per la casa sono suddivisi in due parti: ecobonus, bonus mobili, norme per l’edilizia e interventi a favore dell’edilizia residenziale pubblica. L’housing sociale, altro tassello importante per mettere sul mercato alloggi ad affitto ed a prezzo di vendita calmierati, prenderà una strada parlamentare diversa dalla legge di stabilità.
Sull’abolizione dell’Imu prima casa non cambio idea. Il governo Prodi la ridusse considerevolmente su iniziativa dei parlamentari socialisti. Oggi sarebbe meglio abolirla per i proprietari di abitazioni che hanno un reddito fino a 60.000 euro l’anno. Chi ha di più, trovo giusto continui a pagarla.

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento