sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Volkswagen. Primo rosso
in bilancio dopo oltre 15 anni
Pubblicato il 28-10-2015


Volkswagen-bilancio rossoIl dieselgate – lo scandalo delle emissioni di gas truccate – fa sprofondare i conti di Volkswagen: a causa della spesa – forse superiore ai 6,5 miliardi di euro previsti per fronteggiare la truffa (che si riferiscono ai richiami, ndr) – il colosso tedesco ha chiuso il terzo trimestre con una perdita netta di 1,67 miliardi di euro contro l’utile di quasi 3 miliardi dello stesso periodo del 2014. Si tratta del primo rosso di bilancio dopo oltre 15 anni. Nel frattempo, l’amministratore delegato, Matthias Mueller, ha presentato un piano in cinque punti orientato a far sì che il colosso di Wolfsburg possa restare «uno dei principali costruttori automobilistici in futuro».

PREVISTO CALO UTILE OPERATIVO 2015 – In un comunicato diffuso da VW viene anticipato che «a causa di oneri relativi alle irregolarità nel software utilizzato per alcuni motori diesel», si aspetta «un significativo calo dell’utile operativo 2015» rispetto a quello dello scorso anno, quando aveva segnato un massimo storico a 12,7 miliardi. Nonostante tutto, le vendite delle automobili sono salite dal 5,3%. In questo risultato non sono compresi gli eventuali risarcimenti a consumatori e azionisti che hanno minacciato di procedere per vie legali.

MUELLER: «PIANO PER RILANCIO GRUPPO» – Durante la presentazione del piano in cinque punti, l’a.d. di VW si è mostrato fiducioso che «il gruppo Volkswagen emergerà dalla situazione attuale più forte di prima». La massima priorità è quella di supportate i clienti interessati alla truffa, la seconda quella di procedere con le indagini, completandole. «Dobbiamo scoprire la verità e imparare da quanto è successo» ha affermato Mueller, aggiungendo che Volkswagen sta procedendo molto scrupolosamente nella propria analisi, e che i responsabili «dovranno affrontare severe conseguenze». La terza e quarta priorità esposte dall’a.d. di VW riguardano rispettivamente l’introduzione di nuove strutture nel gruppo e il riallineamento della cultura aziendale e dell’atteggiamento manageriale. Mueller ha infine annunciato che la quinta priorità sarà trasformare la Strategia 2018 del gruppo in una Strategia 2025. «Molte persone esterne a Volkswagen, ma anche qualcuno di noi, non hanno capito che la nostra Strategia 2018 significa molto più che numeri di produzione».

Redazione Avanti!

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento