domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Addio a Helmut Schmidt, socialista, grande europeista
Pubblicato il 10-11-2015


Helmut Schmidt pp“Decisivo con Craxi nella scelta degli euromissili, riformista convinto, grande europeista”. Così il segretario del Psi Riccardo Nencini ha ricordato Helmut Schmidt, morto nella sua casa ad Amburgo all’età di 96 anni. Cancelliere socialdemocratico della Germania federale dal 1974 al 1982, Schmidt era succeduto a Willy Brandt, in seguito alla scandalo che aveva coinvolto il suo segretario Günter Guillaume accusato di ‘spiare’ per conto della RDT, e aveva guidato un governo Spd-Fdp fino a quando fu spodestato dal primo e unico voto di sfiducia costruttiva organizzato dagli alleati liberali.

Nella sua lunga carriera politica, è stato ministro della Difesa, delle Finanze e presidente del Consiglio europeo. Governò la Germania negli anni bui del terrorismo, dell’inflazione e delle crisi economiche, mostrando grande fermezza sia nell’affrontare i terroristi della Rote Armee Fraktion (Raf), sia nel prendere misure economiche considerate all’epoca impopolari, come quando si oppose alle richieste dell’ala sinistra del suo partito di aumentare la spesa pubblica.

Fu anche uomo di riforme sociali e della distensione con l’Est, proseguendo nella Östpolitik, politica del dialogo con l’Est inaugurata da Brandt, ma nello stesso tempo, contestato dai pacifisti, si pronunciò a favore dell’istallazione degli euromissili contro la minaccia sovietica.

Helmut Schmidt

Con Pia Locatelli, intervistato da Franco Cattaneo mentre riceve una laurea Honoris dell’Università di Bergamo, nell’ottobre 1989

Europeista convinto, istituzionalizzò il Consiglio europeo nel 1974 e fu ‘padre’, con Valery Giscard d’Estaing, nel 1979, del sistema monetario europeo, che anni dopo evolverà nell’euro.

“Con Schmidt – ha detto Pia Locatelli ricordandolo alla Camera a fine seduta – se ne va un altro grande socialdemocratico del secolo scorso. A lui il saluto e il ricordo del gruppo socialista della Camera”.

Cecilia Sanmarco

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento