mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Area socialista e il rilancio del PSI
Pubblicato il 23-11-2015


SI è tenuta a Roma la riunione della componente del Psi AREA SOCIALISTA alla presenza di quadri dirigenti provenienti da tutto il paese.

AREA SOCIALISTA si propone di riqualificare il progetto di rilancio di una forza di ispirazione socialista nel
Paese con l’obiettivo di essere presente con una lista socialista aperta fin dalle prossime elezioni politiche.
AREA SOCIALISTA si rivolge all’area più vasta dentro e fuori dalle organizzazioni socialiste e pone come obiettivo la riorganizzazione e rilancio di un’azione politica tesa a promuovere e difender diritti civili e sociali, ad orientare ai fini di contrastare politiche pubbliche tese a ridurre gli spazi di democrazia istituzionale, di promuovere un’azione concreta per garantire libertà pubbliche e progresso sociale nonché per promuovere ogni sforzo per il mantenimento della pace e della sicurezza in Italia, in Europa nel Mediterraneo.
La premessa é innanzitutto il rilancio dell’iniziativa politica e sociale del PSI che oggi grava in uno stato politico equivoco schiacciato dalla sua subalternità nei confronti del governo e della forza del maggior partito e da una carenza di prospettiva politica dal profilo autonomo.
Si è esaurita la fase nella quale Nencini ha guidato per otto anni il Partito, area socialista proporrà al prossimo congresso il suo superamento ed attraverso una nuova candidatura.
Facciamo appello a tutti i socialisti affinché rafforzino la componente di AREA SOCIALISTA per il prossimo congresso del Partito,
che mobilitino tutte le strutture presenti sul territorio al fine di promuovere un rinnovamento reale, allontanando i rischi di una gestione opaca del nostro tesseramento, per incoraggiare tutti coloro che si sono allontanati a rientrare nel partito per aiutare una nuova stagione di rilancio e rinnovamento socialista e cambiamento della politica italiana.
Infine : AREA SOCIALISTA ritiene che le vicende parigine assegnino alle forze politiche e democratiche nel loro insieme e delle singole associazioni di cittadini il compito e la responsabilità di un’azione pubblica che promuova il dialogo e la difesa dello stato di diritto e delle libertà ovunque minacciate.
L’Italia deve a questo scopo consolidare le proprie istituzioni democratiche, fare appello alla solidarietà ma anche all’impegno concreto dei cittadini per uno sforzo di collaborazione pubblica per evitare che prevalga un sentimento di sfiducia e di paura

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo

Lascia un commento