giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Brexit. Per la prima volta
gli inglesi sono favorevoli
Pubblicato il 24-11-2015


Symbolbild zum drohenden Brexit nach der von David Cameron angestrebten Volksabstimmung in GroßbritaIl Vecchio Continente continua a soffrire di acciacchi, dopo essere stata messa più volte in discussione l’Unione europea, ora a dare un’ulteriore spallata all’Europa ci pensa la Gran Bretagna. Per la prima volta la maggioranza degli inglesi si è dichiarata a favore di una Brexit in un sondaggio dell’Istituto ORB per The Independent, condotto dopo gli attentati di Parigi. Secondo i risultati del rilevamento (l’Independent pubblica un sondaggio su questi temi su base mensile), per la prima volta i favorevoli all’uscita dalla Ue superano quota 50%, attestandosi al 52% contro il 48% di chi vuole restare in Europa.

Negli ultimi due sondaggi degli scorsi mesi, i cittadini britannici favorevoli alla permanenza del loro Paese nell’Ue erano sempre stati in vantaggio in queste riceche, con quote del 55% nelle analisi di giugno e luglio e del 53% a settembre.
Il sondaggio sembra avvicinare ancora di più gli inglesi al proprio Premier che poche settimane fa aveva dettato le proprie condizioni a un’Europa considerata sempre più lontana dal Governo oltremanica.

Il referendum per un’eventuale uscita dall’Europa dovrebbe tenersi entro il 2017 e il taglio netto con Bruxelles sembra non spaventare affatto i britannici. Inoltre le conseguenze di una “brexit” sarebbero di poca rilevanza per il Regno Unito: secondo un’analista di Moody “l’economia ricca e diversificata” inglese potrebbe funzionare anche fuori dall’Unione, difficilmente il rating della Gran Bretagna pagherebbe un’eventuale uscita del Paese dall’Ue, spiega l’analista della società di rating del credito al quotidiano britannico Telegraph.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento