lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Comitato Euromediterraneo contro guerra estremista
Pubblicato il 27-11-2015


ridePresso il ministero degli Esteri s’è riunito il Comitato esecutivo della RIDE, la Rete Italiana per il Dialogo Euromediterraneo, fitta rete di organismi della società civile e delle istituzioni (Università, collettività locali, ecc.) creata recentemente dalla Fondazione Euromediterranea “Anna Linch” per il Dialogo tra le Culture (ALF): nata, a sua volta, per iniziativa dell’Unione europea e dei Paesi suoi partner nell’Unione per il Mediterraneo.

Il Comitato esecutivo della RIDE condanna nettamente gli esecutori e soprattutto i mandanti, vigliaccamente nascosti, degli orribili attentati di Parigi del 13 novembre; e rifiuta il tentativo di terrorizzare e condizionare l’opinione pubblica francese ed europea, per imporre un grottesco scontro di civiltà (che viene senz’altro respinto al mittente).

Esprimendo la più profonda solidarietà ai cittadini e al Governo della Francia, in particolare alle vittime dei vili attentati e a i loro familiari, la volontà della RIDE d’operare con tutte le istituzioni, per rafforzare il dialogo tra culture ed identità collettive come strumento di comprensione e conoscenza reciproca, in uno dei momenti più difficili per l’area euromediterranea, è stata espressa in una lettera al ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. I membri del CE hanno discusso diverse proposte per reagire agli atti terroristici, d’apparente matrice radicale religiosa, in Europa, nel Mediterraneo ed in Medio Oriente; e per concordare azioni comuni a livello intergovernativo e della società civile, contrastando i tentativi di condizionamento psicologico da parte degli estremisti islamici.

Le deliberazioni del CE son state poi riferite, dal presidente onorario RIDE, Arch. Michele Capasso, alla quattordicesima riunione (intitolata «Lavorare insieme per il 2025»), tenuta a Bruxelles, dei Capifila della Fondazione “Anna Linch”. Le recenti dichiarazioni del capo della politica estera europea, Federica Mogherini, e del Commissario UE alle politiche di vicinato, Hahn, alla Commissione esteri del Parlamento europeo han concordato con la RIDE, sulla necessità d’un nuovo approccio a tutti questi temi, fondato sulla stabilità e sull'”equal partnership” tra la UE e i propri vicini.
Ecco la ripartizione delle deleghe decisa in occasione di questa nuova riunione del CE:

•Presidente Onorario e Capofila: Michele Capasso, Presidente Fondazione Mediterraneo;
•Coordinatore: Enrico Molinaro, Presidente dell’associazione “Prospettive Mediterranee”;
•Migrazioni, rifugiati e cooperazione internazionale: Maria Amata Garito, Presidente e Rettore dell’Università telematica internazionale “Uninettuno”, e Foad Aodi, Presidente AMSI, CO-MAI (Comunità del Mondo Islamico in Italia) e movimento “Uniti Per Unire;
•Comunicazione interna ed esterna: Foad Aodi;
•Diritti civili, legalità e analisi della criminalità organizzata: Salvatore Calleri, Presidente Fondazione “Antonino Caponnetto”;
•Variazioni geostrategiche, Gestione dei conflitti, Cooperazione economica e Attività di Networking nell’area euromediterranea: Janiki Cingoli, Direttore del Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente (CIPMO);
•Patrimonio culturale: Luigi De Luca, Direttore Istituto di Culture Mediterranee;
•Università e Istruzione: Maria Amata Garito;
•Cooperazione giovanile, imprenditorialità sociale e volontariato: Giovanni Serra, Presidente associazione “Dignità del Lavoro”.
•Sostenibilità ambientale e prosperità condivisa: Roberto Russo, Presidente FISPMED.

Fabrizio Federici

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento