lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Crescita in affanno, ma il Governo rassicura sul Pil
Pubblicato il 30-11-2015


padoanÈ guerra dei numeri sulla crescita italiana. Il Governo non fa un passo indietro sulle stime di crescita del Paese (con un pil stimato per il 2015 a +0,9%), mentre da più parti arrivano gli allarmi sulla crescita italiana ritenuta ancora molto debole e favorita da agenti endogeni all’economia italiana. Oggi i primi avvisi arrivano proprio dall’Istituto di statistica italiana che annota come ad aumentare sia la deflazione accompagnata dalla diminuzione dei consumi, domani l’Istat pubblicherà i conti economici trimestrali finali che potrebbero così certificare la crescita del Pil allo 0,2% nel terzo periodo dell’anno, in rallentamento rispetto al +0,4 e +0,3% dei primi due trimestri.

Ma il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, non ripiega e da Parigi annuncia: “Il Pil italiano andrà a crescere, non a diminuire. Non abbiamo nessun timore sul Pil italiano”, aggiungendo che “la preoccupazione invece è tanta per il pianeta” in quanto l’inquinamento è un problema che riguarda tutti, quindi “è assolutamente cruciale giungere ad un accordo”.

Sulla stessa riga anche il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan: “La crescita reale viene confermata dalle nostre valutazioni e non smentita come qualche polemica del weekend potrebbe far pensare”. Purtroppo però a remare contro queste ipotesi ci pensa prima di tutto l’Europa, dalla commissione europea arriva il rapporto sugli squilibri macroeconomici dei membri dell’Unione nel quale l’Italia viene inserita tra i Paesi più a rischio. Il dito da Bruxelles viene puntato soprattutto sull’alto livello di debito pubblico italiano combinato con la discesa del potenziale di crescita. Tra i principali problemi dell’Italia la commissione sottolinea “la perdita di quote di mercato nell’export, il debito pubblico, la disoccupazione così come l’aumento della disoccupazione di lungo termine e di quella giovanile”.

Confindustria conferma le stime negative sul Prodotto interno lordo italiano: “Il PIL italiano è salito in estate per il 3° trimestre consecutivo, ma a ritmo attenuato: +0,2% congiunturale, dopo il +0,3% del 2° e il +0,4% del 1°. La variazione acquisita per il 2015 è di +0,6%”. L’associazione degli industriali rileva il divario tra il livello di disoccupazione precedente alla crisi e quello attuale: “a settembre il numero dei disoccupati in percentuale della forza lavoro nell’Eurozona era il 10,8%, in lento calo dal 10,9% dei due mesi precedenti, contro il 7,5% nel 2007. L’output gap è stimato ancora ampiamente negativo sia nel 2015 sia nel 2016 (-1,8% e -1,1%, stime Commissione europea, da -2,6% nel 2014).

A rincarare i timori anche Confesercenti, che rileva come dopo i dati negativi sul rallentamento dei prezzi, la frenata dell’inflazione registrata a novembre “è superiore alle aspettative. Sul versante prezzi, infatti, novembre è solitamente un mese freddo, spesso caratterizzato da flessioni congiunturali; ma il calo di 0,4 punti registrato quest’anno su ottobre fa riflettere, anche perché è la diminuzione più ampia registrata in novembre negli ultimi due anni”.

A gravare sull’economia italiana sono anche gli attacchi di Parigi che aumentano l’incertezza e scoraggiano alcune tipologie di consumi. In ogni caso si attendono i dati Istat per domani, anche se l’Istituto di statistica ha già rilevato come l’andamento dei prezzi al consumo è molto più debole delle attese a novembre. Secondo i dati preliminari Istat, l’indice armonizzato ai parametri europei (Ipca) è calato di 0,5% su mese e salito 0,1% tendenziale. La mediana delle attese prospettava un calo congiunturale di 0,2% e un’accelerazione del rialzo tendenziale a 0,4%, dopo +0,5% e +0,3% di ottobre.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento